La WWE ha ragione a non commemorare il favoloso Moolah

La WWE ha ragione a non commemorare il favoloso Moolah


Rete WWE

Ormai hai sentito che la WWE ha tolto il nome di Fabulous Moolah alla WrestleMania Women's Battle Royal, dopo che una protesta dei fan ha portato Snickers, sponsor di WrestleMania, a puntare i piedi. Quello che sono qui per dire è grazie a Dio per Snickers. Sarebbe bello se la WWE avesse la decenza e il buon senso di prendere la decisione giusta da sola, ma a meno che almeno i soldi parlino.



Forse non sei stato su Twitter nell'ultima settimana e sei ancora confuso sul motivo per cui tutti odiano Moolah. Dopotutto, la WWE non ha parlato molto di lei di recente, ma storicamente è stata la pioniera del wrestling femminile più onorata, con la sua cara amica Mae Young al secondo posto. È stata la prima donna ad essere inserita nella WWE Hall of Fame e ha continuato ad apparire in WWE TV fino alla sua morte nel 2007. Sfortunatamente, come tutti sappiamo, alla WWE piace scrivere la propria storia. Moolah era amica di Vince McMahon e di suo padre e ha lavorato a stretto contatto con loro per portare il suo marchio di wrestling femminile nella WWE, quindi nella storia della WWE, è la wrestler donna più importante di tutti i tempi.

In questa epoca di fare la storia e l'evoluzione delle donne, e di una nuova generazione di fan femministe che sostengono l'importanza e la validità del wrestling femminile, sembra certamente strano dall'esterno per queste stesse fan dire che questa donna pioniera non dovrebbe essere onorata , e infatti è meglio sconfessare e dimenticare. Nel caso del Fabulous Moolah, tuttavia, è la scelta giusta.

andy warhol e jean-michel basquiat

Per rispettare il wrestling femminile e le numerose attrici presenti e passate al suo interno, devi lasciare andare Moolah. Non c'era niente di Favoloso nel modo in cui trattava le donne, o in quello che faceva per l'arte del wrestling femminile. La WWE potrebbe non riconoscerlo mai, ma il minimo che possono fare è smettere di parlare di quanto fosse grande.

Moolah sfruttato le donne

Se hai solo scalfito la superficie della discussione, probabilmente hai visto persone chiamare Moolah un protettore. Questa affermazione si basa sui resoconti di più donne che hanno lavorato per lei, tra cui Luna Vachon e Mad Maxine. Sembra che quando Moolah stava prenotando il wrestling femminile a partire dalla fine degli anni '50 e ampiamente negli anni '60 - che a quei tempi generalmente significava mandare un paio di donne in un territorio per mettere su una partita femminile su una carta altrimenti maschile - le donne che lei inviato a volte ci si aspettava che facesse sesso con il promotore o con altri uomini dell'organizzazione.

Secondo Mad Maxine in un'intervista a Slam! Lotta , a volte trafficava donne senza nemmeno essere coinvolta nel wrestling:

Moolah ha mandato delle ragazze da questo tizio in Arizona e le ha sfruttate. In realtà gli ho parlato al telefono e gli ho chiesto cosa stesse cercando. Disse: 'Se sto spendendo tutti questi soldi, sai cosa voglio'. Questo faceva parte del modo di fare soldi di Moolah.

Forse la storia più sconvolgente è quella di Sweet Georgia Brown, uscita in un articolo su il Columbia Free Times , che conteneva interviste con i figli di Brown, molti dei quali erano nati da padri sconosciuti mentre la madre era in viaggio sotto la direzione di Moolah.

La figlia di Brown, Barbara, racconta una storia della sua infanzia di Moolah e suo marito e socio in affari Buddy Lee che portano sua madre a casa per una breve visita. Quando Brown ha chiesto più tempo con i suoi figli, Moolah l'ha presa a pugni e l'ha costretta a tornare in macchina. La madre di Barbara in seguito le disse che a volte sulla strada avrebbe ricevuto inaspettati bussare a tarda notte alla sua porta e sapeva che avrebbe dovuto andare avanti e togliersi il vestito, altrimenti sarebbe stata picchiata.

La storia di Georgia Brown illustra anche il modo in cui Moolah ha sfruttato finanziariamente le donne che ha formato. Ha gestito ogni ragazza che è uscita dalla sua scuola di formazione, che includeva la richiesta del 25 percento della loro paga, anche se secondo quanto riferito ha mantenuto una percentuale maggiore per la maggior parte del tempo. Avrebbe chiesto ai promotori di pagarla per conto dei suoi lottatori, e poi avrebbe dato a quei lottatori una somma molto più piccola.

La sua scuola è stata anche progettata per spremere più soldi possibile dalle ragazze. Secondo Mad Maxine, i tirocinanti dovevano pagare l'affitto e le utenze per vivere nelle baracche nel complesso di Moolah, oltre a pagare fino a $ 1.500 in tasse di formazione. Le ragazze si sono indebitate con lei e lei ha controllato le loro vite, dice Maxine. Wendi Richter, che si è anche formata alla scuola, ha detto in un'intervista per le riprese che Moolah non è nemmeno salita sul ring per allenare nessuno da sola. Ha fatto addestrare gli studenti più esperti a quelli più nuovi, e naturalmente non sono stati pagati per questo.

Un altro tirocinante Moolah, Sandy Parker , parla del controllo che Moolah esercitò sulla sua scuderia di donne. Parker era lesbica, ma Moolah le disse che aveva bisogno di uscire con uomini e che non le era permesso di andare nei bar gay. Secondo Parker, Moolah era un'ipocrita perché aveva le sue piccole avventure di cui tutti sapevamo. Secondo le interviste con Luna Vachon e altri, alcuni di quei flirt erano con i suoi studenti, il che apre decisamente questioni di consenso, soprattutto considerando quanto strettamente li controllasse.

Moolah ha tenuto il Wrestling Back femminile

Anche se metti in dubbio una di queste storie, una cosa assolutamente indiscutibile è che Moolah ha tenuto sotto controllo il wrestling femminile il più a lungo possibile, ed era molto più interessata a promuovere se stessa che a promuovere le donne nel loro insieme. Per cominciare, ha reso popolare quello che in seguito è stato chiamato lo stile di wrestling della Diva.

Le prime lottatrici come Mildred Burke potrebbero essere state sessualizzate dai promotori, ma il loro wrestling era fisico e atletico come quello maschile. Moolah ha difeso uno stile che era meno sull'atletismo e più sul tirarsi i capelli e altre manovre di catfight. Questo è ciò che ha insegnato alle sue allieve (o forse le ha fatte insegnare a vicenda), e sfortunatamente è diventata la forma più dominante di wrestling femminile fino agli ultimi cinque anni circa, nonostante alcuni punti deboli lungo la strada.

marina abramović e uwe laysiepen

Una grande parte del motivo per cui lo stile preferito di Moolah è diventato così dominante è che si è unita al WWF e ha fatto del suo meglio per controllare una divisione femminile composta principalmente dalle sue tirocinanti il ​​più a lungo possibile. Il suddetto Mad Maxine, ad esempio, era stato creato per essere il miglior tacco femminile negli anni '80, ma Moolah voleva quel ruolo per se stessa, nonostante avesse 60 anni all'epoca.

Maxine sarebbe stata anche il membro femminile della fazione del tallone nel cartone animato del sabato mattina del WWF Rock 'n' Wrestling di Hulk Hogan , come illustrato dai disegni dei personaggi su WWE.com , ma quando lo show è andato in onda è stata sostituita da un cartone animato Moolah.

dovunque

Poi, naturalmente, c'è Wendi Richter, vittima dell'Original Screwjob. Era stata scelta per essere il volto del wrestling femminile negli anni '80, ma dopo aver avuto una disputa contrattuale con Vince, Moolah è stata chiamata per risolvere il problema. Wendi avrebbe dovuto combattere la Donna Ragno mascherata al Madison Square Garden, ma ha immediatamente riconosciuto Moolah, non la solita Donna Ragno, sotto il costume. Moolah è andato fuori copione e ha costretto Wendi al tappeto, l'arbitro complice ha fatto un rapido tre conteggi e la corsa al titolo di Wendi e la carriera in WWF erano finite per sempre. Furiosa, Wendi ha continuato a combattere dopo la campana e ha strappato la maschera del ragno per rivelare il volto di Moolah, ma non c'era niente che potesse fare.

Alla fine degli anni '80, la WWF introdusse i titoli di coppia femminile e le Glamour Girls, entrambe tirocinanti di Moolah, iniziarono una faida su di loro con i Jumping Bomb Angels, una squadra giapponese. Secondo le interviste con Glamour Girls, Leilani Kai e Judy Martin, le due squadre erano in Giappone per uno spettacolo quando Moolah le chiamò e disse che Pat Patterson, il booker all'epoca, voleva che i titoli passassero di mano nello spettacolo giapponese. Non potevano raggiungere nessun altro da casa, quindi hanno fatto quello che ha detto Moolah. In seguito, Pat Patterson era furioso per aver incasinato i piani del WWF, che non avrebbero dovuto cambiare i titoli fino a WrestleMania. Nessuno al WWF credeva che Moolah avesse detto loro di farlo. Il Mania match è stato cancellato, i Women's Tag Titles sono stati eliminati e i Jumping Bomb Angels non sono più tornati in WWF.

Se Moolah ha sabotato quei tag team perché era minacciata dalle imprese atletiche dei Jumping Bomb Angels - che hanno superato di gran lunga quello che lei e i suoi allievi potevano fare - o se era solo arrabbiata perché il WWF aveva perso interesse per lei come artista sul ring , è stata una mossa estremamente losca.

Nel 2018, mentre tanti fan parlano di quanto la WWE abbia bisogno di una divisione tag femminile, è difficile non immaginare un mondo in cui ne hanno già una da 30 anni. Quello dovrebbe essere un mondo in cui il wrestling femminile è stato in grado di espandersi e crescere alla propria velocità, accogliendo artisti di altri paesi e con stili diversi. In breve, un mondo in cui Fabulous Moolah non stava facendo tutto il possibile per trattenere il wrestling femminile, e gli era stato dato il potere di farlo dalla WWE.

Ci sono più storie di Moolah là fuori, ma questo è almeno un senso della loro portata. È stata una pioniera nel wrestling femminile? Tecnicamente sì. Era anche una truffatrice, una vendicativa segugio della gloria e una presunta trafficante e abusatrice di sesso.

Non è solo che era una wrestler che era anche una cattiva persona, anche se Dio sa che ce ne sono molti. Era una forza malevola che ha impedito attivamente l'avanzamento di molte specifiche donne lottatrici e del wrestling femminile nel suo insieme. Se vogliamo costruire un futuro in cui il wrestling femminile sia rispettato quanto quello maschile, non c'è posto in quel futuro per trattare Fabulous Moolah come una figura onorata da commemorare.

Iscriviti, vota, recensisci il Con il podcast Spandex?