'Strike Back' torna in azione, meno Scott e Stonebridge

'Strike Back' torna in azione, meno Scott e Stonebridge

Cinemax

Non molto tempo dopo la versione Cinemax di Colpisci indietro ha debuttato, ho scritto che era molto meglio di quanto dovrebbe essere. Essenzialmente una versione di lunga durata del tipo di film d'azione diretto al video in cui la prima priorità del direttore del casting è trovare un tipo di Jason Statham, tutto ciò che richiedeva erano molte esplosioni e intermezzi periodici per la nudità. Aveva entrambi, ma l'azione era eccezionalmente ben messa in scena (soprattutto dato il basso budget), le scene di sesso solo a volte sembravano gratuite - o, almeno, non lo erano sempre sentirsi gratuiti – e la chimica tra le star Philip Winchester e Sullivan Stapleton era forte quanto la scrittura per i loro personaggi, Michael Stonebridge e Damien Scott, che sono diventati tipi di eroi ironici che erano anche alle prese con seri problemi di disturbo da stress post-traumatico e dilemmi morali dal lavoro hanno fatto come membri di un'unità delle forze speciali britanniche. Poteva essere scadente, ma capiva esattamente di cosa si trattava, così come qualsiasi spettacolo in televisione all'epoca, e funzionava eccezionalmente bene entro i suoi limiti.

L'incarnazione Winchester/Stapleton dello spettacolo (c'era una stagione precedente, con Richard Armitage, realizzata solo per il Regno Unito, che Cinemax in seguito mandò in onda come Strike Back: Origini ) si è conclusa in modo molto soddisfacente un paio di anni fa. All'epoca, Cinemax stava cercando di abbandonare le coproduzioni internazionali a basso costo per creare il proprio mix di pulp e prestigio, con spettacoli come Il Knick, Banshee, e Cava . Ora, però, gli originali sono tutti spariti, ed è tornato al Colpisci indietro modello — a partire da un revival Colpisci indietro stesso che presenta un nuovo cast nella stessa formula.

La fittizia Sezione 20 è stata resuscitata, con il solito assortimento di cazzuti scartati. Questa volta, ci sono quattro protagonisti invece di due: Thomas Mac McAllister (Warren Brown di Lutero ), un soldato con un rancore personale verso l'obiettivo principale della nuova stagione; Samuel Wyatt (Daniel MacPherson, come Stapleton, un australiano che interpreta l'americano), un agente degli Stati Uniti con riluttanza shanghai in 20; Gracie Novin (Alin Sumarwata), uno specialista di armi australiano; e Natalie Reynolds (Roxanne McKee), apparentemente l'agente operativo di più alto grado, anche se lo spettacolo tratta per lo più loro quattro come uguali rispondendo al colonnello Donovan di Nina Sosanya.

Sulla base dei sei episodi che Cinemax ha inviato per la revisione prima della premiere di venerdì sera, è per molti versi il Colpisci indietro i fan conoscevano e amavano la prima volta. Il regista MJ Bassett è tornato per aiutare a coordinare tutto il caos – particolarmente impressionante è quello di corridoio nel quinto episodio in cui Novin combatte un'ondata di teppisti bielorussi mentre indossa un abito da sera – e ci sono molte battute quando 20 va dietro a un terrorista mediorientale (Don Hany) e sua moglie occidentale (Katherine Kelly), che si scopre è cresciuta nella stessa città inglese di Mac. Il formato è lo stesso dei tempi di Richard Armitage: una grande storia a puntate raccontata per tutta la stagione, ma suddivisa in blocchi di due episodi con mini-missioni proprie, quindi possiamo vedere il team un paio di ore a, diciamo, Budapest mentre si esamina una milizia suprematista bianca i cui interessi si sono sorprendentemente allineati con quelli dei terroristi, prima di passare al prossimo locale e alla prossima serie di cattivi.

(Questa è una formula che i drammi più attuali dovrebbero prendere in considerazione, considerando quanti spettacoli serializzati tendono a trascinarsi ben prima della fine delle loro stagioni. Dividilo in pezzi come questo, e il pubblico non dovrà mai stancarsi troppo della storia principale.)

Allo stesso tempo, l'intera cosa sembra un po' più sottile e più stereotipata rispetto alla precedente incarnazione. Puoi sicuramente vedere i modi in cui lo scrittore capo Jack Lothian ha giocato a mescolare e abbinare nel distribuire i tratti del personaggio di Scott e Stonebridge ai loro successori maschili: qui, è il ragazzo britannico che è più una testa calda, per esempio. La decisione di fare un quartetto misto invece di concentrarsi su due nuovi tizi è per lo più intelligente - il culmine del vecchio spettacolo è stato quando Rachel Dalton di Rhona Mitra era co-protagonista con Scott e Stonebridge - ma significa che tutti e quattro i ottengono una minore attenzione rispetto a qualsiasi combinazione di due. Novin è il personaggio che appare più chiaramente all'inizio, ma nessuno di loro si sente particolarmente definito, e in cui i ragazzi hanno almeno una dinamica competitiva quando sono accoppiati (anche se uno che evoca i loro predecessori, a cui piaceva anche scommetti e mantieni il punteggio nel bel mezzo degli scontri a fuoco), le donne sono in ritardo, o in coppia l'una con l'altra o con entrambi i ragazzi.

Stonebridge e Scott (le cui avventure sono disponibili su richiesta se sei abbonato a Cinemax, o su Amazon Prime per tre delle loro quattro stagioni) non sono mai stati scritti con la complessità di un Walter White, ma si sono sentiti abbastanza reali da fondare un sacco di le cose ridicole che hanno fatto. Nuovo Colpisci indietro non ha ancora quella profondità, anche se fa uno sforzo in buona fede per trasformare i cattivi (sia i principali terroristi che i boss che la Sezione 20 deve battere lungo la strada) in qualcosa di più di semplici cartoni animati. Di conseguenza, finora sembra buono solo quanto deve essere, il che è un passo indietro rispetto a ciò che l'incarnazione precedente ha mostrato che potrebbe fare.

Alan Sepinwall può essere raggiunto a sepinwall@uproxx.com . Discute settimanalmente di televisione sul podcast TV Avalanche. Il suo nuovo libro, Breaking Bad 101 , è ora in saldo .