Gli scienziati dicono che esiste un portale per la quinta dimensione

Gli scienziati dicono che esiste un portale per la quinta dimensione

Nell'ultimo capitolo di The End of the World As We Know It (2020-oggi), gli scienziati hanno proposto l'esistenza di una particella che può fungere da portale per una quinta dimensione.

L'ipotesi fantascientifica è stata pubblicata in un nuovo studio nel The European Physical Journal C . Suggerisce che la particella può fornire una spiegazione per la materia oscura, che non è mai stata osservata direttamente, ma si ritiene che rappresenti la maggior parte della massa dell'universo. I ricercatori dicono che le particelle possono viaggiare attraverso l'intero universo, inclusa la quinta dimensione.

Gli scienziati hanno messo in discussione per anni le quattro dimensioni note del nostro universo. Questi sono: tre dello spazio (su e giù, sinistra e destra, avanti e indietro - AKA 3D) e uno del tempo. Questa vasta ricerca ha prodotto equazioni 5D, che, secondo VICE , esprimono le implicazioni che una dimensione extra avrebbe sull'universo e sulla realtà stessa.

Parlando con VICE , gli autori dello studio - Adrian Carmona, Javier Castellano Ruiz, Matthias Neubert - hanno affermato che la loro intenzione originale era di spiegare la possibile origine delle masse di fermioni (particelle) nelle teorie con una dimensione extra distorta.

Durante la ricerca delle equazioni 5D in relazione alle masse delle particelle di fermioni, gli scienziati hanno abbozzato un nuovo scalare (una quantità fisica completamente descritta dalla sua grandezza) associato al fermione, che affermano essere simile al campo di Higgs e alla particella del bosone di Higgs.

Abbiamo scoperto che il nuovo campo scalare aveva un comportamento interessante e non banale lungo la dimensione extra, hanno detto i ricercatori VICE . Se questa particella pesante esistesse, collegherebbe necessariamente la materia visibile che conosciamo e che abbiamo studiato in dettaglio con i costituenti della materia oscura, supponendo che la materia oscura sia composta da fermioni fondamentali, che vivono nella dimensione extra.

Gli autori hanno descritto la particella come un possibile nuovo messaggero nel settore oscuro.

Tuttavia, ipotizzare che la particella sia la parte facile (più o meno). Ora, gli scienziati devono effettivamente cercarlo. Per metterla in un contesto: la scoperta del bosone di Higgs, vincitrice del Premio Nobel, non è avvenuta fino al 2012, nonostante sia stata proposta per la prima volta nel 1964. Il bosone di Higgs è stato individuato dal Large Hadron Collider (LHC), la particella più grande e potente del mondo acceleratore. Tuttavia, non sarebbe abbastanza grande né potente da trovare questa nuova particella, che è troppo pesante per gli attuali collisori.

Tuttavia, i ricercatori sperano che la particella possa essere rilevata in modo più indiretto. Loro dissero VICE : Questa nuova particella potrebbe svolgere un ruolo importante nella storia cosmologica dell'universo e potrebbe produrre onde gravitazionali che possono essere ricercate con futuri rilevatori di onde gravitazionali.