La NASA ha catturato la prima foto a colori di Marte

La NASA ha catturato la prima foto a colori di Marte

La NASA ha catturato la prima immagine a colori del vicino pianeta Marte.

perché le persone vendono droga?

Ieri (25 aprile), l'elicottero Mars Ingenuity della NASA, un piccolo drone telecomandato, ha preso il volo per la terza volta sul Pianeta Rosso. Raggiungendo un'altezza di 5 metri prima di accelerare lateralmente per 50 metri, l'elicottero in miniatura è rimasto in aria per un totale di 80 secondi, durante i quali ha catturato con successo la prima foto a colori di Marte.

La foto mostra il paesaggio roccioso del pianeta, ricoperto da una distesa di dune di sabbia rosso-arancio. Secondo la NASA, la foto è la prima immagine a colori della superficie marziana scattata da un veicolo aereo mentre era in volo.

Con questo terzo volo nei libri di storia, il team di elicotteri di Ingenuity Mars guarda avanti per pianificare il suo quarto volo tra pochi giorni. Durante il suo primo volo, Ingenuity ha trascorso circa 40 secondi da terra, in bilico a circa tre metri, mentre il secondo test è andato a noleggio, più vicino a cinque metri, trascorrendo circa un minuto in aria.

La più grande difficoltà nel volare sul Pianeta Rosso è l'atmosfera estremamente sottile, che ha solo l'1% della densità qui sulla Terra, rendendo difficile per l'Ingenuity decollare da terra.

Inoltre, la distanza dalla Terra a Marte mette fuori discussione il controllo remoto, poiché le onde radio impiegano oltre 16 minuti per coprire la distanza tra i due pianeti. Invece, Ingenuity prende i suoi comandi dal rover Perseverance, il robot principale della missione.

La NASA sta portando l'elicottero Ingenuity su altri due voli prima che Perseverance intraprenda la sua missione principale di ricerca della vita nel cratere Jezero di Marte. Se la missione avrà successo, ciò significherà che si potrà iniziare a lavorare sulla costruzione di colonie sul pianeta.

La scorsa settimana, la NASA ha condotto con successo un esperimento a creare ossigeno sulla superficie del pianeta . Questo è un primo passo fondamentale per convertire l'anidride carbonica in ossigeno su Marte, ha affermato Jim Reuter, amministratore associato della Direzione della missione tecnologica spaziale (STMD) della NASA in una dichiarazione . MOXIE (Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment) ha ancora molto lavoro da fare, ma i risultati di questa dimostrazione tecnologica sono pieni di promesse mentre ci muoviamo verso il nostro obiettivo di vedere un giorno gli esseri umani su Marte.

Questa è una buona notizia per Elon Musk, il cui progetto SpaceX spera di avere le prime persone che vivranno su Marte entro il 2030 e un obiettivo ambizioso di un milione di persone entro il 2050.

Lo studio di architettura ABIBOO ha anche rivelato i suoi piani per creare la prima città autosufficiente sul Pianeta Rosso, che sarà pronta per i residenti nel 2100. La città si chiamerà Nüwa e sarà situata a Tempe Mensa su una delle scogliere di Marte. La sua posizione all'interno di una roccia sulla ripida scogliera proteggerà i suoi 250.000 abitanti dalle radiazioni e dai meteoriti, pur dando loro accesso alla luce solare indiretta.

andy warhol jeans michel basquiatqui

Parlando con Dazed in una precedente intervista, il presidente della Mars Society Robert Zubrin ha dichiarato: L'idea era di creare non solo una base in cui poter sostenere molta scienza, ma di creare una società che crescerà solo se le persone vogliono viverci.

Goditi questa clip dal terzo volo dell'Ingenuity qui sotto.