Rivisita la scena dei club italiani che il tempo aveva dimenticato

Rivisita la scena dei club italiani che il tempo aveva dimenticato

Quando pensi alla musica da ballo attraverso i secoli, pensi ai mecca del clubbing. Ibiza, hotspot perduti da tempo come Haçienda, Berghain e nonostante la perdita di Fabric possiamo ancora aggiungerlo alla lista. Ma una mostra sta svelando l'era perduta da tempo di Spaghetti Disco - una sottocultura italiana della musica dance, nata negli anni '70 instabili e drogati. Con club come Cosmic che ospitano giovani in cerca di una via di fuga dalla violenza del loro clima politico acceso, non sembra troppo dissimile dalla Londra di oggi. Quando c'è un disprezzo popolare per la politica, il più delle volte, l'evasione è la risposta. Ma attraverso l'evasione, a volte può nascere qualcosa di bello. Abbiamo parlato con Lorenzo Cibrario, un copywriter e giornalista musicale italiano con sede a Londra, che ha trascorso un'estate a rintracciare materiale d'archivio in Italia da ex cani di grossa taglia nella scena musicale Italo Disco, cercando di immortalare questa volta in una raccolta che la dice lunga il potere della ribellione giovanile e l'importanza del freddo. Baffi e tutto il resto.

Perché si chiama Spaghetti Disco?

Lorenzo Cibrario: Ebbene, con il termine 'Spaghetti Disco' o 'Italo Disco' di solito ci riferiamo a un tipo preciso di musica realizzata prima in Italia e poi in Europa, tra i primi anni '70 e la metà degli anni '80 (più o meno). In origine si chiamava 'Italian Disco' o 'Italo Disco' ed era usato per definire un suono caratterizzato dall'uso di sintetizzatori, drum machine e vocoder, con un gusto italiano molto chiaro per le melodie orecchiabili. Il sostantivo 'Spaghetti' è stato utilizzato all'estero per definire la nostra musica dance italiana realizzata in quegli anni. È un processo piuttosto semplicistico, ma ha funzionato per le masse, quindi immagino che sia stato un buon marketing.

Cosa ha suscitato il tuo interesse nel documentare questa sottocultura?

cadavere su google maps

Lorenzo Cibrario: Ebbene, la Red Gallery mi aveva chiesto di curare questa mostra da zero. Lo scorso marzo mi hanno contattato e mi hanno chiesto di occuparmene, come parte di un piano più ampio per mostrare la storia delle sottoculture europee. Coprono, con mostre, culture giovanili in Spagna, Italia, Francia, Germania, Ungheria e così via. A causa del mio background (un madrelingua italiano e giornalista musicale), penso di essere stata la persona giusta e il momento giusto.

Alla fine della giornata, una discoteca o un club sono perfetti non-luoghi, luoghi dove il tempo e lo spazio possono scomparire

Come hai trovato queste foto?

Lorenzo Cibrario: Ah, grazie per questa domanda! Ad essere onesti, è stata la parte migliore dell'intero progetto. Mentre ero a Londra, facendo telefonate, chiamate Skype o inviando e-mail, mi sono reso conto che il processo era un po 'troppo lento. La maggior parte delle persone con cui avevo a che fare non era felice di trattare con uno sconosciuto di Londra. Quindi ho fatto le valigie, sono andato in Italia e ho viaggiato per tutta l'estate: Milano, Roma, Firenze, Bologna, Torino, Genova, fermandomi sulla costa per fare una nuotata, dormire con gli amici e incontrare nuove persone fantastiche in tutto il mio paese . È stato sorprendente quanto il passaparola abbia contribuito ad accelerare il processo. Stavo letteralmente bussando alla porta di musicisti, fotografi, proprietari di locali, produttori e chiedendo loro di mostrarmi i loro archivi. In alcune occasioni, siamo andati in soffitte polverose o garage bui per guardare attraverso queste vecchie scatole piene di polaroid. È stato bello ripercorrere i ricordi di queste persone.

Bar Kinki inanni '70fotografia Graziella Ronchi, per gentile concessione diGraziella Ronchi

C'è un pezzo in particolare di musica disco italiana che consiglieresti?

Lorenzo Cibrario: Non è proprio facile scegliere un solo brano, perché Spaghetti / Italo Disco è durato quasi 15 anni, coprendo diversi tipi di musica. Posso fornirti una top ten senza un ordine particolare: Cambia - Il bagliore dell'amore , Affabile - Paura , La Bionda - Voglio essere il tuo amante , Giorgio Moroder - Bambina blu , Gaznevada - CIRCUITO INTEGRATO . Love Affair , Fred Ventura - Vento di cambiamento , Alexander Robotnick - Problemi d'amore , La mia miniera - Tango ipnotico , Folie Workshop - No Rhyme No Reason e Matia Bazar - Ti Sento . Il mio preferito, per motivi personali, è Righeira - L'estate sta finendo.

Vedi una somiglianza tra la scena della danza di allora e quella attuale, c'è un aspetto nostalgico nelle foto?

Lorenzo Cibrario: C'è sicuramente un aspetto nostalgico, immagino sia dato dal 'fattore polaroid', e con questo intendo i colori e il formato. Forse ogni foto che scattiamo porta il suo aspetto nostalgico: congelare un momento nell'eternità, un momento nel tempo che non può essere vissuto due volte. Dopotutto, le immagini sono ricordi e i ricordi sono ontologicamente nostalgici. Detto questo, ho giocato con la contemporaneità di questi quadri. Mi piacciono perché, in molti casi, sono foto degli anni '70 e '80 in Italia, ma potrebbero essere state scattate nell'East London ora. Immagino sia il cerchio della moda e dei modi, si ripetono, riprendendo elementi dei decenni precedenti.

Diresti che il clima politico ostile del tempo si riflette in queste foto?

hollywood in preda alla paura perché il donnaiolo a-lister è sieropositivo: report

Lorenzo Cibrario: La storia dell'Italia in quegli anni è estremamente complessa, poiché numerosi sono stati i casi di attacchi terroristici locali, a causa del partito di estrema sinistra denominato 'Brigate Rosse' Brigate rosse ) e i partiti neofascisti. Quegli anni sono chiamati 'anni di piombo'. È interessante notare che in quegli anni, insieme a una scena punk e un movimento di cantautori politicamente attivo, ci fu un enorme fenomeno di Disco Music. Penso che le persone cercassero di dimenticare la vita dura in cui stavano vivendo. Come un processo catartico, la musica da discoteca era usata per intrattenere le persone e farle dimenticare i giorni sanguinosi in cui vivevano. Alla fine della giornata, una discoteca o un club sono perfetti non-luoghi, luoghi dove il tempo e lo spazio possono scomparire.

come diventare un bambino di zucchero

Perché pensi che questa scena si sia estinta in Italia?

Lorenzo Cibrario: Per due possibili ragioni: il primo, più organico, è solo un classico processo di curva: il movimento è iniziato all'inizio degli anni '70, ha raggiunto il suo apice all'inizio degli anni '80 e poi è gradualmente svanito nella seconda metà degli anni '80. Quest'ultima è stata una generale perdita di autenticità all'interno del movimento stesso, è diventato più guidato dal denaro e meno guidato dall'arte. La gente allora guardava in altre direzioni, poiché la cultura rave stava diventando più popolare e il grunge dagli Stati Uniti era pronto a esplodere. Questa perdita di autenticità per capitalizzare questa sottocultura ha distrutto il movimento dall'interno, creando piccoli movimenti negli anni '90.

Cosa pensi di fare con le foto? C'è un altro modo per trovare il tuo lavoro?

Lorenzo Cibrario: Pubblicherò un libro con queste foto. Ho circa 100 immagini, farò una selezione e le pubblicherò nel Regno Unito e in Italia.

Bologna 1984fotografia di Micaela Zanni, per gentile concessione diMicaela Zanni

La mostra è in corso fino al 5 novembre alla Red Gallery, 1-3 Rivington St, London EC2A 3DT.
L'ultima serata dell'Italian Disco at Kamio includerà i DJ set Severino e Toni Rossano il 5 novembre dalle 19:00 alle 02:00.