Le ragazze in spiaggia di June Canedo

Le ragazze in spiaggia di June Canedo

Catalogate attraverso l'obiettivo senza sforzo di June Canedo, le foto in formato Ragazze brasiliane servire come un vivace archivio delle donne del Brasile. Quando ho incontrato June per la prima volta, faceva il cat-sitter per una donna a Brooklyn e abbiamo fatto due chiacchiere sul tentativo di essere artisti a New York. Da lì siamo tornati indietro attraverso la sua storia di viaggi: Australia, Berlino, Brasile - dove è cresciuta da ragazzina - e America, dove è nata. Cresciuta in una casa brasiliana, l'idea della perfetta donna brasiliana era qualcosa a cui Canedo si ribellava sempre - ma guardando le sue candide foto di donne sulla spiaggia è chiaro che le donne brasiliane sono molto più che le loro monotone rappresentazioni in Sports Illustrated Edizione costume da bagno. Ragazze brasiliane celebra un'immagine diversa delle donne del Brasile e funge da rappresentazione fisica della ritrovata accettazione di sé del fotografo.

Q&A: June Canedo9

Dazed Digital: Anche se il tuo nuovo progetto è intitolato Ragazze brasiliane , la maggior parte delle foto sembra essere di donne anziane. La parola ragazze sembra avere connotazioni più cariche del semplice denotare l'età. C'era un contesto specifico che volevi creare intitolando il tuo progetto Brazilian Girls?

June Canedo: Ad essere onesti, preferisco l'aspetto e il suono delle ragazze brasiliane più delle donne brasiliane. Ho fotografato donne e ragazze brasiliane di tutte le età per il mio libro e ho deciso che riferirsi a una ragazza come donna è tanto strano quanto riferirsi a una donna come una ragazza, quindi ho dovuto sceglierne una. Riconosco anche l'inadeguatezza del vocabolario americano contemporaneo per descrivere ciò che rende una donna una donna. Dalla mia esperienza, nessuno dei due sessi nasce dalla loro ridotta classificazione. Forse una femmina impiega più tempo per acquisire il nome di donna, ma spesso sento anche che gli uomini adulti vengono indicati come ragazzi quando le loro azioni indicano segni di comportamento infantile o debolezza.

DD: Dove hai trovato le ragazze più interessanti da fotografare?

June Canedo: Ho trascorso più tempo a Bahia durante questa visita in Brasile e ho trovato la folla più vivace lì. A sud le cose sono un po 'più in ordine (più pulite, più ordinate, ecc.) - Bahia è un po' più caotica.

DD: Chi era la tua ragazza brasiliana preferita che hai fotografato?

June Canedo: Le donne che hanno più di sessant'anni sono sempre incredibilmente carine da fotografare.

June Canedo

DD: Pensando in particolare a mia nonna, le donne ispaniche tendono ad essere più appariscenti ed esuberanti nel loro abbigliamento anche negli ultimi anni. Mia nonna aveva 60 anni quando si è fatta tatuare una libellula sulla parte bassa della schiena. Hai teorizzato il tropo della donna spagnola matura?

June Canedo: Lodo la loro fiducia e il loro coraggio, ma spesso sono deluso dalla loro resistenza al cambiamento. Non ho pazienza per la tradizione.

DD: Crescendo in Brasile, ti sei sentito come se ci fossero delle aspettative su quello che avrebbe dovuto essere una donna brasiliana?

tintura per capelli green kool aid

June Canedo: Certamente. Non mi è mai stato permesso di tagliarmi i capelli perché le ragazze dovrebbero avere i capelli lunghi. Mi si aspettava sempre che rifacessi il letto e pulissi la mia stanza, mentre mio padre diceva a mio fratello che pulire i piatti era un lavoro da donna. E tutti intorno a me non solo lo hanno accettato, ma lo hanno incoraggiato. Di conseguenza sono un maniaco della pulizia totale e mi piace definirmi un cuoco decente, ma sono sempre stato scettico su queste nozioni. Continuo a rabbrividire al programma domenicale più popolare del Brasile, domingão Faustão . Il padrone di casa, un grande maschio dalla voce alta, invita gli ospiti dello spettacolo (spesso altri uomini) a cantare e giocare mentre una banda di ragazze seminude balla in sottofondo. Sto parlando dello spettacolo più adatto alle famiglie del Brasile qui, che va in onda subito dopo il servizio in chiesa, il pranzo e il calcio domenicale, quindi puoi immaginare quanto sarebbe difficile infrangere questi standard sociali in Brasile.

DD: Hai provato a ribellarti a questo?

June Canedo: Se chiedi a mia madre se mi sono ribellato, la prima cosa che risponderebbe è: Mia figlia è pazza. Mi sono rasato la testa due volte, mi sono cresciuto i peli del corpo, le mie braccia sono tatuate, ho un anello del setto e i miei vestiti sono tutti piuttosto larghi. Sicuramente non mi sforzo di sembrare una modella di Victoria's Secret come fanno molte donne brasiliane. Quindi sì, immagino di essermi ribellato.

Cerco di rimanere distaccato dai temi e lascio che le storie si svolgano in modo naturale. Le mie foto ruotano attorno ai miei soggetti e ai frammenti della loro personalità '

DD: Come è cambiato il tuo rapporto con tua madre nel tempo e nel fotografarla per la serie?

June Canedo: Non appena posso ricordare mia madre mi chiedeva di farle una foto mentre finiva di vestirsi per cene e feste. Sono abbastanza abituato a fotografarla ormai. È sempre gentile e paziente e si fida completamente di me. Il mio rapporto con mia madre rimane invariato.

DD: C'è una statistica che è qualcosa del genere, le donne brasiliane spendono in media $ 240 all'anno in prodotti di bellezza e nei prossimi anni quel numero supererà le abitudini di consumo della maggior parte dei mercati, compresi gli Stati Uniti. Vivendo sia in Brasile che in America, come confronteresti i due in termini di standard di bellezza?

June Canedo: Spesso mi chiedo se la società sia effettivamente progredita o se è solo il mondo che ho creato per me stesso ad essere fluido. Ho lasciato casa quando avevo diciassette anni e da allora ho vissuto in tre paesi diversi. Di tanto in tanto mi piace lasciare la mia bolla alternativa e rivisitare vecchi luoghi e amici. Questo di solito è quando è più evidente: che gli standard di bellezza per il femminile rimangono per lo più spietati ovunque, indipendentemente dal paese che visito.

DD: Il tuo lavoro sembra focalizzato su località specifiche come con Ragazze brasiliane - in che modo il tema del luogo influenza la tua fotografia?

June Canedo: Cerco di rimanere distaccato dai temi e lascio che le storie si svolgano in modo naturale. Le mie foto ruotano intorno ai miei soggetti e ai pezzi della loro personalità, che si materializzano solo quando il film è sviluppato e le foto sono davanti a me. A volte il soggetto diventa un prodotto dell'ambiente ea volte sono completamente disconnessi, ma la storia si riunisce solo alla fine.

DD: Hai scritto che quando sono seduto in una stanza piena di americani mi sento brasiliano e quando sono seduto in una stanza piena di brasiliani mi sento americano. Sei una donna brasiliana ma anche qualcosa di più ibrido. Come percepisci la tua identità?

June Canedo: Sono brasiliano e americano in parti uguali e posso relazionarmi ad entrambi allo stesso modo. Tuttavia, le mie domande meno preferite sono quelle inevitabili: da dove vieni? e cosa fai? Ho poco più di vent'anni, quindi la mia vita è in continuo mutamento. L'unica cosa che aveva senso l'anno scorso è stata riprendere in mano la fotocamera. Sto ancora lavorando molto sulla mia identità.

DD: Vivevi a Brooklyn ma ora sei tornato in Brasile per finire il tuo progetto fotografico. Visitando il Brasile, cosa speravi di vivere?

June Canedo: La prossima volta che qualcuno chiede: qual è la tua nazionalità? Voglio poter rispondere con sicurezza, brasiliano. Non potevo farlo senza passare due mesi a bere Caipirinha sulla spiaggia e fotografare il pane quotidiano di questo paese, le donne.