I migliori fotografi che lavorano in bianco e nero

I migliori fotografi che lavorano in bianco e nero

In un mondo dominato prevalentemente dalle immagini a colori - oggigiorno tutti sono fotografi e le loro mostre personali possono essere visualizzate su Instagram - è raro imbattersi in artisti che lavorano principalmente in bianco e nero. La fotografia è nata in bianco e nero e alcuni fotografi scelgono di continuare questa tradizione, mentre lavorano all'evoluzione dell'estetica visiva di questa forma d'arte grezza.

Fotografi moderni come Daido Moriyama, Igor Posner , Miron Zownir e Eamonn Doyle usa l'astrazione e i mezzi grafici per far passare i loro messaggi. Questi visionari documentano temi come l'abbandono, la malattia mentale, l'erotismo e la povertà. Il loro lavoro cancella il falso preconcetto che la fotografia in bianco e nero sia obsoleta e meno espressiva.

Storicamente, i nomi per eccellenza come Diane Arbus , che ha documentato le vite dei disadattati di New York a metà del 1900, e Robert Frank , il cui libro Gli americani ritrarre l'America del dopoguerra è diventata una delle collezioni di street photography in bianco e nero più iconiche di sempre, continuano ad essere alcuni dei fotografi più celebrati. Il loro uso di metodi estesi per trasmettere le loro visioni artistiche ed emozioni con l'aiuto del contrasto, della consistenza e della composizione grafica ha evidenziato con successo le sfide affrontate dai loro soggetti - una tradizione continuata dai fotografi attuali.

tyler il creatore donald trump shirt

In onore di questa forma d'arte senza tempo e per celebrare la fotografia in bianco e nero contemporanea, abbiamo scelto i nostri dieci fotografi preferiti MONO: Volume due - edito da Gomma Books - un tomo che ha amalgamato il lavoro di vecchi favoriti insieme a nuovi talenti.

DAIDO MORIYAMA

Il fotografo d'avanguardia giapponese veterano Daido Moriyama divenne famoso per aver catturato la rottura postbellica dei valori tradizionali giapponesi. Le sue fotografie sgranate, sfocate e distorte ora catturano la vita quotidiana e gli oggetti in un modo che è allo stesso tempo bello e grottesco. Documentando ciò che lo circonda, la sua visione artistica spazia da paesaggi urbani ritagliati alla rappresentazione dello 'straniero' in città. I mozziconi di sigarette, i pneumatici e le scarpe scartati sono rappresentati in modo unico e realistico. Il mondo di Moriyama è fatto di frammentazione e di esistenza onirica, dove l'urbano e il rurale a volte si confondono in uno.

Daido MoriyamaFotografa Daido Moriyama

DIRK BRAECKMAN

Il fotografo belga crea un mondo chiuso e isolato fatto di neri, bianchi e grigi. Braeckman La visione astratta cattura edifici industriali infestati, isolati e imponenti - così scuri che l'immagine non può essere chiaramente decifrata - che sono ridotti a un contorno scuro. Questi magazzini echeggianti sembrano avvolti nell'illusione e la sensazione che il tempo si sia fermato è inevitabile. Catturando oggetti e luoghi apparentemente non importanti, il lavoro di Braeckman si muove tra astrazione e rappresentazione, rendendo difficile dire se le immagini sono dipinti o fotografie.

Dirk BraeckmanFotografia Dirk Braeckman

SCOTT TYPALDOS

Nel suo progetto in corso Farfalle , Typaldos evidenzia i problemi dei traumi socialmente creati e delle stigmatizzazioni della malattia mentale. I suoi soggetti sono gli uomini e le donne vulnerabili in istituti psichiatrici in rovina in Ghana e Kosovo. La serie di confronto mostra i soggetti fragili in primi piani nitidi, mettendo in primo piano la loro situazione e rendendo impossibile distogliere lo sguardo.

Scott TypaldosFotografia Scott Typaldos

IGOR POSNER

La serie di Posner, nata in Russia Nessun record di questo tipo e Sopra Ripensamenti sono un'esplorazione nel personale e psicologico. Nessun record di questo tipo cattura la solitudine del vagare per le strade di Los Angeles e Tijuana di notte: bar, alberghi notturni e figure oscure svaniscono nelle fotografie sgranate e distorte. Ripensandoci è incentrato sulla cattura della psiche di San Pietroburgo attraverso il ripensamento e la memoria ed esplora come questi si contorcono con il tempo.

Igor PosnerFotografia Igor Posner

HIDEKA TONOMURA

Fotografo giapponese emergente, Tonomura funziona sia in bianco e nero che a colori. La sua serie di sequel Mi chiamavano Yukari cattura i suoi soggetti in un modo oscuramente erotico e misterioso. Le immagini mostrano figure sfocate che brancolano nell'ombra, impigliate e piene di energia sessuale. La sua collezione di debutto Mama Love ha ritratto sua madre a letto con un amante, le immagini mostrano un amante oscuro e si concentrano distintamente sulla madre di Tonomura: questo è il suo modo di esplorare la sua famiglia immediata e le loro relazioni.

Hideka TonomuraFotografia Hideka Tonomura

jeff goldblum il grande freddo

CAIMI E PICCINNI

Jean-Marc Caimi e Valentina Piccinni sono un duo di fotografi francesi e italiani che si concentrano sul documentario e anche sulla fotografia personale e intima. I loro progetti monocromatici lo sono Forcella - un vasto lavoro che copre la parte mafiosa della città di Napoli e Stesso tempo - un progetto di flusso di coscienza, esplorando il tempo e vivendo il momento, libero dai ricordi. Le loro immagini in bianco e nero di grande impatto della quotidianità apparentemente priva di significato, fondono natura e soggetti umani in uno.

Caimi e PiccinniFotografia Caimie Piccinni

ALEXIA MONDUIT

tingere i capelli con kool aid e balsamo

Visualizzato a fianco Jeffrey Silverthorne a Galleria VU , Monduit 'S Into My Song il progetto è drammatico, potente e sorprendente. Il suo lavoro cattura le forze invisibili dell'infanzia che riaffiorano senza preavviso. Strana, intima e intensa, la sua fotografia è influenzata dal suo background teatrale, catturando la giovinezza in immagini astratte, erotiche e sfocate. Basandosi sul suo istinto, il lavoro di Monduit è prodotto con poca accortezza o pianificazione.

Alexia MonduitFotografia Alexia Monduit

MIRON ZOWNIR

I sudditi di Zownir sono i perduti, i dimenticati e i disadattati. Trascorrendo nove anni della sua vita catturando le sottoculture nascoste di New York e documentando le prostitute, i tossicodipendenti e il newyorkese di tutti i giorni in bianco e nero, il suo carburante era l'energia sessuale e creativa della città. Nel 1995, durante un viaggio a Mosca, ha documentato la crisi dei senzatetto in città - una tragedia pubblica che sentiva non poteva essere ignorata. Il lavoro di Zownir cattura i soggetti in momenti specifici nel tempo, attraverso immagini altamente visive e spesso strazianti.

Miron ZownirFotografia Miron Zownir

EAMONN DOYLE

L'interpretazione di Doyle di Dublino è mostrata attraverso i suoi ritratti anonimi di persone per le strade della città. Le espressioni stanche del mondo dei soggetti scoperti e le apparenze spazzate dal vento sono ritratte in modo grottesco, le lotte della vita cittadina rivelate in queste immagini in stile guerrigliero. La tridimensionalità e la natura curiosa delle fotografie fanno sembrare i soggetti in costante movimento. Con Dublino come sfondo, una luce abbagliante, che rende ogni scatto teatrale e drammatico, illumina le immagini.

Eamonn DoyleFotografia Eamonn Doyle

NERO OPACO

Nero I progetti di affrontano questioni come la migrazione, l'agricoltura, la povertà e l'ambiente nella sua nativa California rurale e nel Messico meridionale. La triste realtà della battaglia dell'umanità con la natura: il calore del sole e la polvere soffocante possono quasi essere percepiti attraverso le fotografie. Il nero cattura i cambiamenti che hanno effetto sulla Terra sovrappopolata, come la violenza, le correnti d'aria, l'erosione delle montagne e la deforestazione.

Nero opacoFotografia Matt Black