Il nuovo attacco dei Pacers ha scatenato Domantas Sabonis

Il nuovo attacco dei Pacers ha scatenato Domantas Sabonis

A metà del primo quarto della prima stagione degli Indiana Pacers contro i New York Knicks, Domantas Sabonis ha lavorato su uno schermo di Iverson, è passato dal gomito sinistro all'ala destra e ha ricevuto un passaggio a 14 secondi dalla fine dei 24 secondi. Il suo difensore, Nerlens Noel, non ha chiuso, quindi il lungo All-Star ha lanciato, collegandosi alla sua seconda palla lunga della partita, eguagliando qualsiasi uscita che ha pubblicato durante tre stagioni precedenti con Indiana e significando nuovi inizi per il quinto- centro anno. Guardando quella prima partita, non ci vorrebbe molto per capire che questa stagione sbloccherà una versione potenziata di Sabonis, e l'aumento del volume di tre punti è solo una parte dell'equazione.

Sotto il nuovo capo allenatore Nate Bjorkgren, Sabonis si sta ulteriormente consolidando come uno dei principali grandi uomini offensivi della NBA e elevando il suo gioco a un nuovo livello. In otto partite, ha una media di 21,6 punti, 12,6 rimbalzi e 6,1 assist con il 61,6% di tiri reali (divisione 0,563 / 429 / 647). In bilico intorno al 24%, il suo tasso di utilizzo, il tipico barometro per il predominio offensivo, non è aumentato dal 23% delle due stagioni precedenti. Per 100 possessi, sta prendendo all'incirca la stessa quantità di tiri (19.1) che ha avuto durante i suoi quattro anni di mandato ai Pacers.



Invece, Bjorkgren ha costruito un'offesa eliocentrica non tradizionale attorno al suo omone di punta, fornendogli nuovi percorsi per mostrare le profondità dei suoi talenti. Quasi tutto passa attraverso Sabonis in qualche modo, anche se in un modo molto diverso da quello che fa, ad esempio, Trae Young ad Atlanta o James Harden con gli Houston Rockets guidati da Mike D'Antoni. Dietro solo a Nikola Jokic, è secondo in NBA per tocchi a partita (104.1). È a pari merito con Rudy Gobert negli assist (7.6) e guida tutti i giocatori nei passaggi (80.7).

L'anno scorso, si è classificato primo negli assist su schermo (7.0), terzo nei passaggi (67,7) e sesto nei tocchi (88,0), quindi Sabonis che detta l'azione sulla maggior parte delle giocate non è un concetto nuovo. Piuttosto, il fattore di differenziazione tra questa stagione e la scorsa stagione è la libertà di cui gode in ogni tocco, e ha aiutato a guidare Indiana dal 19° posto in classifica al quinto.

barry keoghan l'uccisione di un cervo sacro

In particolare, gli vengono offerte opportunità di guidare la pausa, iniziare al di fuori della vernice e come marcatore a faccia in su, con le giocate che a volte progrediscono abbastanza lentamente, ma alla fine si rivelano fruttuose. Lo staff tecnico si fida di lui per creare e sfruttare la sua miscela di abilità con la palla, forza, abilità e gioco di gambe, anche se richiede lunghi tratti per svolgersi. Considerando che il suo ex capo allenatore, Nate McMillan, lo ha caratterizzato principalmente come marcatore e uomo di ruolo, c'è molta più diversità in questa stagione. Era ancora in grado di innescare azioni e suonare uno stile vagamente simile sotto il vecchio regime, è stato appena ampliato notevolmente con Bjorkgren in città.

le migliori offerte di pollo vicino a me?

Sabonis deve essere un dolore assoluto contro cui combattere. È incredibilmente forte e fisico, ha un motore implacabile, brandisce uno stuolo di finte di palla e corpo e possiede alcuni dei migliori giochi di gambe della lega. Non c'è strada che non esaurisca per creare un'opportunità per quello che ritiene essere un tiro di qualità. Contenerlo richiede disciplina, forza e acutezza mentale. Bjorkgren e Co. riconoscono la difficoltà di soddisfare tali criteri e lasciano che il loro grande uomo di punta operi a suo piacimento.

Lo stanno anche tramando in posizioni vantaggiose, utilizzando la sua fluidità per farlo scendere. La maggior parte dei big non può eguagliare la sua combinazione di mobilità e forza, e queste giocate sembrano ricordare azioni che vedremmo spesso ragazzi come Ben Simmons, Pascal Siakam e Zion Williamson. L'Indiana conosce la versatilità del suo fulcro offensivo, che sta allevando creatività e svariate possibilità da gol.

Parte di ciò che rende Sabonis un giocatore offensivo così bravo è la sua scalabilità. È uno dei migliori uomini di passaggio della NBA, uno screener spacca-ossa e istintivamente galleggia nelle aperture per prendere facilmente la palla. I Pacers attingono a tutto ciò, eseguendo un attacco pesante per il movimento e lo schermo che spesso lo coinvolge nel facilitare quei set.

L'attacco dei Pacers può abilmente passare attraverso Victor Oladipo (19,9 punti a partita, 26,8 percento di utilizzo) e Malcolm Brogdon (23,4 punti a partita di squadra, 24 percento di utilizzo) a causa di questi tratti scalabili. Sabonis non ha bisogno di spadroneggiare su ogni possesso, mentre i compagni restano spettatori stagnanti. Favorisce un impatto in altri modi, servendo comodamente come giocatore adattivo, collegante e aiutando azioni/set.

È astuto e preciso nell'iniziare i dribbling, assicurandosi che siano mirati e non solo azione per il gusto dell'azione, facendo roteare la palla tra i palmi delle mani fino al momento giusto. Altre volte, inizierà un piccolo gioco pitch-and-catch con qualcuno per creare il vantaggio che entrambi stanno perseguendo. È l'ennesimo esempio della pazienza e della credibilità che questa squadra gli concede. Molti dei suoi assist derivano da questi passaggi o lanci apparentemente facili, ma l'accumulo per raggiungerli, così come i suoi schermi contundenti, trasmettono l'abilità che comportano.

Anche al di là di quei passaggi ad alta percentuale tramite handoff, Sabonis è un eccellente facilitatore, che si adatta perfettamente al personale circostante di tiratori e cutter dell'Indiana. Quando le difese si basano sulla gravità del suo punteggio, il suo approccio scaltro porta benefici all'attacco. Fuori dalla palla, identifica le aperture e taglia nello spazio come un rullo o un tuffatore. Questi sono segni distintivi di vecchia data del suo gioco e rafforzano ulteriormente il motivo per cui sta guidando un'offesa d'élite al limite per aprire la stagione.

Mentre il processo per i suoi tiri è cambiato drasticamente, l'unico cambiamento significativo nel suo profilo di tiro è disprezzare i 2 lunghi a favore dei tripli. Durante le sue prime tre stagioni con i Pacers, il 14 percento dei suoi tentativi sono stati tra i 16 piedi e l'arco di 3 punti, dove ha sparato al 41,6 percento, un segno piuttosto incoraggiante per estendere il suo raggio d'azione. Ora sta facendo un passo indietro e sta dando la priorità ai 3 secondi. In questa stagione, solo il 2% del suo aspetto proviene da quella gamma, mentre il 15,6% è oltre l'arco, quasi il doppio del suo precedente migliore dei tre anni precedenti in Indiana. Al suo ritmo attuale, supererà i 121 triple totali che ha preso in 210 partite dal 2017-18 al 2019-20 di gioco 53 in questa stagione.

trucco nina bonina marrone rupaul

Sabonis probabilmente non convertirà il 42,9 percento (9 su 21, 2,3 a partita) dei suoi tre per tutta la stagione, ma questo approccio riorganizzato aumenta innegabilmente la sua efficienza nel punteggio, anche una volta regredito. Quei 2 lunghi sono il purgatorio. Per la sua carriera, tra i 16 piedi e l'arco, tira il 42,4 percento, o 0,848 punti per possesso. Per superare quel numero, dovrebbe abbattere solo il 28,3 percento dei suoi tre punti in questa stagione.

Anche il vantaggio di spaziatura che l'intera offesa sperimenta è importante. Lo spazio necessario per guidare e tagliare corsie o finestre in cui inserire i pass può essere spesso marginale. Sabonis è una minaccia affidabile e disponibile da 22,5 piedi piuttosto che, diciamo, da 20 piedi, è il tipo di maggiore spaziatura che si propaga durante il successo offensivo di un'intera unità ampliando le corsie di guida/taglio e gli angoli di passaggio.

Sebbene cinque dei suoi 21 tentativi siano stati indotti da un cronometro in calo, sta anche entrando con sicurezza nei primi 3 secondi sopra la pausa. Quando lo fai abbastanza a lungo e mantieni una certa soglia di successo (circa il 34-36 percento, direi) con triple come queste, l'offesa collettiva ne trarrà beneficio.

A livello semplificato, il fattore principale alla base di una classifica di offesa guidata da Sabonis tra i primi cinque è la sua triplice eccellenza. Crea per se stesso. Crea per gli altri. Sfrutta la creazione di altri o la creazione derivata dallo schema. Questi, fondamentalmente, sono i pilastri dell'offesa. I vantaggi e le possibilità di punteggio devono essere modellati e successivamente massimizzati. Sabonis eccelle in tutte e tre le parti, ed è per questo che l'attacco dei Pacers sta guidando il loro inizio 6-3.

grandi ragazze piangono video musicale

Sabonis è emerso come una star in buona fede la scorsa stagione. La sua assenza nella bolla e la corsa ai playoff dell'Indiana hanno diminuito parte dello splendore di quella campagna. La partenza di McMillan ha permesso l'assunzione di un nuovo capo allenatore, pienamente consapevole delle ampie facoltà offensive di Sabonis ed è arrivato preparato per ottimizzarle e illuminarle. Non passerà molto tempo prima che anche l'intera NBA se ne accorga.