All'interno dell'industria dei tatuaggi tossici: dai simboli nazisti alle aggressioni sessuali

All'interno dell'industria dei tatuaggi tossici: dai simboli nazisti alle aggressioni sessuali

TW: Violenza sessuale e resoconti di razzismo

Non per la prima volta, l'industria del tatuaggio è costretta a riflettere su comportamenti che sono rimasti incontrollati per troppo tempo. Mentre alcuni artisti si sono riuniti per design cover-up per i fan transgender di Harry Potter o raccogliere fondi per un intervento chirurgico superiore , Il 2020 ha analogamente visto accuse di violenza sessuale, razzismo e misoginia rivolte ad artisti del settore.

la santa vergine maria cris

Nel 2018, l'industria del tatuaggio ha dovuto affrontare un movimento #MeToo a seguito di dozzine di accuse di cattiva condotta sessuale mosse contro un tatuatore di Detroit Alex Boyko . Jezebel gettare luce sulla mancanza di regolamentazione nell'industria del tatuaggio e sull'aggressione sessuale e sul comportamento misogino che gli artisti erano stati lasciati a cavarsela.

Quest'anno, con il paese precipitato in un blocco e il dibattito vitale intorno al Black Lives Matter Movement al centro della scena, sempre più persone si sono rivolte a Instagram per raccontare storie di cattiva condotta sessuale, aggressione e misoginia, nonché accuse di razzismo all'interno del industria, etichettatura #TattooMeToo e riaccendere questa tendenza allarmante riconosciuta per la prima volta nel 2018. Per indagare ulteriormente, abbiamo cercato artisti e amanti del tatuaggio per scoprire dove sta andando il futuro della regolamentazione e della responsabilità per l'industria.

foto di amy wine house