Il New York Times stampa un elenco completo di ogni insulto twittato da Donald Trump

Il New York Times stampa un elenco completo di ogni insulto twittato da Donald Trump

Dire che Donald Trump ama il suo account Twitter si qualificherebbe, tra le altre cose, per la categoria understatement dell'anno dedicata esclusivamente al candidato repubblicano. Dai giornalisti che capiscono quando Trump sta e non sta twittando, ai rapporti che la sua campagna continua a provare e senza successo a calmare il suo incessante bisogno di insultare gli altri, Donald non riesce proprio a lasciare il suo megafono da 140 caratteri. E con 33,8 mila tweet non cancellati e oltre, sembra che la devozione del magnate immobiliare di New York alla piattaforma di social media non svanirà presto.

Quindi perché? Il New York Times compilato e pubblicato uno spread di due pagine che dettaglia ogni singola persona, luogo e cosa che Trump abbia mai insultato su Twitter. Inoltre, la controparte digitale del compendio offre ai lettori uno strumento interattivo con cui possono scorrere, trovare e fare clic sui collegamenti ai tweet elencati:

Da quando ha dichiarato la sua candidatura alla presidenza lo scorso giugno, Donald Trump ha usato Twitter per lanciare insulti a candidati presidenziali, giornalisti, organizzazioni di notizie, nazioni, una canzone di Neil Young e persino un leggio nello Studio Ovale. Lo sappiamo perché li abbiamo letti, taggati e citati tutti. Di seguito, una sorta di directory, con collegamenti ai tweet originali. Sono evidenziati gli insulti degli ultimi 60 giorni.

I punti salienti includono Lo swing del golf di Samuel L. Jackson , Il ragazzo pubblicitario di John Kasich e quello che si potrebbe - con abbastanza tempo e caffeina - trasformare in un libro di poesie dedicato agli scavi di Hillary Clinton. Per maggiori dettagli su chi Trump ha vittima di bullismo su Twitter durante l'esistenza dell'account, guardare Il New York Times .

(Attraverso New York Times )

Vai a votare