Le 40 migliori canzoni K-pop del 2020

Le 40 migliori canzoni K-pop del 2020

Ascolta queste canzoni come un Playlist di Spotify . Dai un'occhiata alla nostra lista dei 20 migliori brani del 2020 e alla nostra lista dei 20 migliori album.

Con i tour cancellati e gli album in ritardo, il COVID-19 ha trascorso il 2020 decimando l'industria musicale. Il K-pop non ha fatto eccezione, colpendo duramente i suoi gruppi più piccoli e/o più recenti. Ma per quelli più affermati, c'erano due vantaggi: etichette esperte di tecnologia e un pubblico completamente abituato a consumare contenuti a distanza. Così, mentre gli artisti occidentali aprivano gli home studio e accendevano il loro IG Live, alcuni dei più grandi artisti del K-pop come BTS e SuperM stavano organizzando concerti digitali dal vivo completi di opzioni di telecamere multi-view e messa in scena completa.

A questo proposito, poco è cambiato in superficie per i fan internazionali del K-pop. Abbiamo ascoltato gli album allo stesso modo ma abbiamo ascoltato la musica in modo diverso, dato il caos che sta accadendo nel mondo e nelle nostre vite, e, più che mai, abbiamo cercato rassicurazioni o evasioni o anche semplici connessioni umane all'interno della musica e dei fandom.

Quel potere connettivo dei fandom del K-pop è stato ampiamente riconosciuto durante l'estate quando i media di tutto il mondo hanno rivolto la loro attenzione a coloro che hanno aiutato a umiliare Donald Trump durante la sua stessa manifestazione e alle centinaia di migliaia che hanno sostenuto le proteste di Black Lives Matter usando fancam per inondare Twitter razzista. hashtag e app spia. Anche il fandom più potente al mondo al momento - BTS's Army - ha fatto notizia quando ha eguagliato la donazione di $ 1 milione del gruppo al movimento BLM e, in termini di musica, ha dato ai BTS nominati ai Grammy un anno da non dimenticare mai con il loro primo singolo numero uno negli Stati Uniti ( Dynamite ) e due album numero uno ( ESSERE e Mappa dell'anima: 7 ).

I BTS non erano i soli nelle classifiche, tuttavia; SuperM e BLACKPINK (nominati Hitmakers of the Year da Varietà ) ha raggiunto la posizione numero due della Billboard Hot 200, con il gruppo femminile che ha raggiunto anche il penultimo posto nelle classifiche britanniche. Questo è solo un frammento di ciò che gli idoli della Corea del Sud hanno realizzato negli ultimi 12 mesi su una scala globale impressionante. Non abbiamo più bisogno di discutere se il K-pop ha trovato un posto per se stesso nel mainstream. È qui, ed è qui per restare. E questi sono i suoi singoli che hanno reso un anno difficile un po' più facile da sopportare.

40. BVNDIT, GIUNGLA

Le stridenti percussioni militari, il ritornello inebriante e il cenno al successo degli anni '90 Kiss Kiss del cantante turco Tarkan creano un tocco di stile.

39. Diciassette, CASA;RUN

I diciassette mettono fuori combattimento il parco con una performance di classe che si rifà ai loro primi tempi, dove le mani del jazz e i ganci di ottone erano all'ordine del giorno.

38. ONF, NUOTO SUKHUMVIT

Difficile immaginare che qualcuno lo faccia nuoto nuoto in un gancio completamente memorabile, ma è esattamente ciò che ONF tira fuori qui contro un MV trippy che viaggia nel tempo.

37. NU'EST, SONO NEI PROBLEMI

L'R&B caldo e ondulato di Nu'Est spesso suona con una sfumatura carica, come se stesse calpestando un pavimento cosparso di vetri rotti, ma continua a bruciare magnificamente nonostante il pericolo.

36. LOONA, E allora?

So What ha dato a Loona la loro prima vittoria in uno spettacolo musicale sudcoreano, ed è pronta a suonare con un coro ad alta energia e lo spirito di non arrendersi mai a ciò che vuoi veramente.

35. IL RAGAZZO, IL LADRO

Una coreografia spaventosamente intensa e un concetto di rapina sono prelibatezze visive, ma la teatralità vocale ariosa e le interruzioni scattanti lo rendono un piacere a tutto tondo.

34. ENHYPEN, DATO-PRENDUTO

L'atteso debutto degli ENHYPEN prevede un approccio leggermente sommesso ma estremamente raffinato con un ritornello fluido, armonie ben bilanciate e un intrigante concetto di vampiro.

33. AESPA, BLACK MAMBA

Con un concetto che include le versioni AI dei membri, il gruppo di principianti Aespa ha abilmente creato quella che sembra essere una nuova storia di un mondo fantastico, senza sacrificare un accattivante tocco pop.

32. IRENE X SEULGI, MOSTRO

La sub-unità Red Velvet ha riportato un vecchio K-pop preferito - dubstep - al loro gratificante rumore, e liricamente stuzzicante, inno all'amore per la tua bestia interiore.

31. PENTAGONO, DR BABY

Il cantautore del Pentagono Hui si arrabbia in questo viaggio esplosivo attraverso il crepacuore. Il video musicale si svolge come un film dell'orrore, ma è esattamente come si sente una rottura marcia.

30. TESORO, RAGAZZO

Il video musicale presenta alcune delle migliori scenografie dell'anno, ma altrettanto soddisfacente è la caduta di Boy nel ritornello. Quel synth affilato 'dang-da-dang-da-dang-dang-dang' ti rimarrà nel cervello per sempre.

balmain e h e m

29. IZ*ONE, STORIA SEGRETA DEL CIGNO

Una parola: ottone. Esplosioni vivide che contrastano con la dolce voce di Iz*One sul cigno cigno cigno ritornello si è rivelato polarizzante, ma Secret Story of the Swan offre ampio fascino incisivo e delizie CGI.

28. CHUNG HA, PLAY (feat. CHANGMO)

Le influenze latine accendono l'energia in questo pezzo estivo, perfetto per Chung Ha che prospera all'interno di grandi performance, e il video musicale fornisce una cornice audace per le sue capacità multiformi.

27. TXT, NON MI VEDI?

La prima metà del 2020 ha visto l'esplorazione di TXT della loro giovinezza diventare decisamente più oscura, con chitarre seganti e ritmi trap che blaterano sotto il ritornello mentre le amicizie liriche cambiano e si rompono.

26. GWSN, BAZOOKA!

Concettualmente ispirato alla pillola rossa e al coniglio bianco di La matrice , Bazooka! è generoso con l'effervescenza vocale, trasmettendo una sensazione genuinamente spensierata in un anno in cui ne avevamo davvero bisogno.

25. 1THE9, CATTIVO RAGAZZO

Il K-pop è diventato ossessionato da enormi cadute in un ritornello, ma Bad Guy è così melodicamente forte che corre verso il cielo. Gli 1THE9 si sono sciolti quest'anno, ma questo è un finale impressionante.

24. NUMERO SEGRETO, OTTIENI QUEL BOOM

Anche se è solo il secondo singolo di questo gruppo multinazionale di debuttanti, Got That Boom ha un ritornello che non si ferma e un bridge che fa schifo.

23. MONSTA X, FANTASIA

Tra l'opulenza nera e dorata del video e il caos sobrio del ritornello di Fantasia, i Monsta X martellano le grandi mosse e i ritmi più grandi per cui sono amati.

22. APINK, DUMHDURUM

Il suono sofisticato e il gancio onomatopeico di Apink trovano casa in un video musicale che sembra ispirato a Wes Anderson ma, ricco di metafore, è un intelligente compagno di narrazione.

21. DRIPPIN, NOSTALGIA

Drippin può avere un nome discutibilmente strano, ma la loro forza di talento va da sé: la voce senza sforzo e il basso grosso di Nostalgia ricordano i veri classici del K-pop.

20. WONHO, MENTE APERTA

L'attesa e la paura dei fan intorno agli idoli che diventano solisti è un rito di passaggio; ciò che è stato memorabile in un contesto di gruppo può rimanere così potente sotto i riflettori solitari? Open Mind offre una clamorosa affermazione per l'ex cantante e cantautore dei Monsta X Wonho, le cui due passioni - i muscoli e la musica - trovano un punto d'appoggio accattivante nella seduzione ricca di groove. La bellezza della pista sta nel mantenere una semplicità; La voce di Wonho mantiene una mano gentile ma ferma sul volante, e lo strumentale è superpotente con funk e synth che distorcono con un occhio verso l'Aerodynamic dei Daft Punk. La sua unica concessione a mescolare il piatto in senso antiorario è stuzzicare l'impatto del ritornello ma, come dice il proverbio, non dovresti mai avere troppo di una cosa buona, e Open Mind è sicuramente qualcosa di cui rimpinzarti.

19. MAMAMOO, VOGLIO ESSERE ME STESSO?

La spensierata discoteca di Mamamoo è un'accattivante inno al rispetto di sé, che, piuttosto che sposare stanche battute inspo, riconosce acutamente il singhiozzo ( Ridere davanti, piangere dietro , sing-raps Moonbyul) incontrati nel viaggio verso l'amor proprio. Il ritornello incarna questa lotta interiore - l'anelito falsetto di Wheein compensato da un basso ricco e archi a cascata - ma l'autore e il produttore (Cosmic Girl e Cosmic Sound), forse diffidenti nell'appoggiarsi troppo alla tendenza nu-disco, spesso condivano Wanna Be Myself con attributi moderni, come i rullanti trap sotto la linea pre-ritornello di Hwasa e un battito di basso solitario nella strofa pre-bridge. È fatto usando lo stesso tocco straordinariamente sottile che si trova ovunque - dalla voce risonante di Mamamoo al breve seguito di basso funk nel ponte - finendo la traccia con un'irresistibile galleggiabilità.

18. (G) I-DLE, OH MIO DIO

Nel video musicale di Oh My God, un tour de force di religione e glamour, una scena si riempie del sussurro di Ab limo pectore. Dal latino all'inglese, nel profondo del mio cuore, una frase che Giulio Cesare amava molto prima di essere assassinato. (G)I-DLE lo usano come un'acquiescenza a Lei (una figura lasciata aperta all'interpretazione), che riveriscono e insultano su un pre-coro al galoppo, ma rimangono sospesi tra paradiso e inferno sul ritornello con quattro versi languidamente estatici - Oh mio dio, mi ha portato in cielo, oh mio dio, mi ha mostrato tutte le stelle . Oh My God gioca contro la forma con un intro/outro identikit e l'eliminazione di un ponte, ma i versi cantilenanti e autoflagellati e il rap malvagio e spietato di Soyeon strisciano in profondità sotto la pelle.

17. ITZY, WANNABE

Dopo essersi fatti strada verso la celebrità in meno di due anni con singoli iconici – canti piacevoli e chitarre che ronzano ribelle sotto EDM pronto per la pista da ballo – ITZY stanno guidando una tendenza visiva e musicale che ti prende a calci negli stinchi. Una sorella ibrida dei due concetti di gruppo femminile più popolari del K-pop - la più energica 'cotta per ragazze' e il classico 'carino' - indossa i tratti distintivi del moccioso: sfacciato, ostinato, intelligente e scandalosamente divertente. Dato che non c'è motivo di scuotere la loro barca di successo, Wannabe si unisce al canone sicuro di sé di Icy e Dalla Dalla, ma il suo ritornello di Non voglio essere qualcuno, voglio essere me, me, me combina l'impazienza giovanile con una frustrazione universale nel nascondersi, dando loro il loro colpo più istantaneamente appiccicoso e duraturo.

16. BTS, CIGNO NERO

A differenza delle esplosioni di serotonina di ON e Dynamite, Black Swan attenua il bagliore della celebrità incandescente per uno sguardo intimo a un BTS che temono di perdere la loro connessione con la musica. Nel dipanare la schiacciante possibilità che questo accada un giorno ( Forse in questo momento , tasti RM), offrono due facce: quella esterna – i versi dei rapper che fanno i conti con calma con tale evenienza – e quella interna – il ritornello, che i cantanti tingono di panico guardingo, stringendo le loro voci come un filo di garro. Emergono fiduciosi da questa crisi - Le onde passano oscuramente in preda all'ansia, ma non sarò mai più trascinato via away , rappa Suga – ma con cautela, perché sebbene l'oscurità minacciosa si ritiri nell'ultimo fotogramma del video musicale, i BTS sanno fin troppo bene che non si può sfuggire alle loro ombre ma semplicemente fare pace con loro.

catherine opie autoritratto taglio

15. ONEUS, ESSERE O NON ESSERE

Perché pubblicare una semplice canzone di rottura quando puoi far esplodere le menti con un crollo esistenziale ispirato a quello di Shakespeare? Frazione ? Spiegando una relazione fallita, pianta così intensamente che ONEUS non può decidere se è meglio vivere con ricordi dolorosi o morire per sfuggirvi, To Be Or Not To Be costruisce la sua furia e il suo rimpianto su un grandioso coro in due parti. I synth vengono lanciati come fulmini attraverso armonie ferite, e il ritornello del titolo, distorto da un vocoder, si ripete come una provocazione. Proprio come Frazione è sanguinario e soprannaturale, anche ONEUS ha sangue e ghoul in abbondanza. Al ponte della canzone, la loro disperazione culmina - Rispondimi, vivo o morto ? guaisce Ravn nel vuoto – solo per il video musicale per rivelarli immortali, condannati a questa morte vivente. Se bramavi l'evasione, ONEUS offriva un eccesso glorioso e macchiato di sangue.

14. BLACKPINK, RAGAZZE INNAMORATE

C'è un cuore sorprendentemente cupo nell'allegra cantante Lovesick Girls, dove, in un ritornello da tetto, le Blackpink lamentano la loro verità e debolezza percepite allo stesso tempo: Siamo nati per stare soli, ma perché cerchiamo ancora l'amore . Le Blackpink trovano conforto dopo la rottura nella sorellanza nel video musicale, ma, sullo schermo e nelle canzoni, i momenti più riconoscibili sono quelli attraversati da soli attraverso i gemelli del crepacuore, la disperazione e la sfida. Jisoo e Rosé incarnano il primo, la loro crudezza vocale che porta profondità alla produzione superslick, mentre i versi rap di Jennie e Lisa brillano con taciturni fottuti te. Ma la sfida, nonostante le migliori intenzioni, è una cortina fumogena. L'amore rende tutti noi masochisti - Non sono niente senza questo dolore , cantano con euforia, quindi se siamo destinati a percorrere ripetutamente il sentiero spezzato dell'amore, allora perché non ballarlo invece?

13. NCT U, ESPRIMI UN DESIDERIO (CANZO DI COMPLEANNO)

Più di una mezza dozzina di singoli sono emersi nel 2020 dalle varie unità degli NCT, ma nessuno sembrava così elegante come la strascicata saggezza di Make A Wish e la combinazione di alcune delle voci più grevi ed eteree degli NCT. Fin dall'inizio, è una presa in giro perenne, che aumenta lentamente la tensione solo per il ritornello da setacciare tra le dita come sabbia calda, o il falsetto del ponte e il synth lamentoso che tira il riavvolgimento di un turntablist prima di raggiungere la piena fioritura. Questa deliberata insoddisfazione sarà un rompicapo per alcuni e creerà rigiocabilità per altri, ma trascorri del tempo con Make A Wish e scoprirai che è molto più intelligente e subdolo di quello che inizialmente attribuiresti all'equivalente sonoro di una trappola per la sete vestita di Gucci , oscillante da un lampadario.

12. BAMBINO D'ORO, UNO (SOGNO LUCIDO)

Il cantautore/produttore della Woollim Entertainment BLSSD è un appassionato narratore (in One i membri desiderano la perfezione, solo per rendersi conto di essere perfetti così come sono), appassionato di archi lussureggianti e sintetizzatori meccanici. Non cerca di reinventare la propria ruota qui, ma colpisce un cambio di marcia impressionante; l'elettronica oscura e impetuosa ha la precedenza, il basso funk si aggiunge a un ritornello rivelatore e la voce di Golden Child piomba attraverso lo strumentale come uccelli che usano le correnti d'aria. C'è un'aspettativa, aiutata dai guadagni emotivi dei testi, che One liberi gli archi che fanno capolino in tutto il ritornello per un finale sinfonico impennato. Invece, vira in un freddo groviglio di vocoder, synth e archi per raddoppiare l'aldilà del pre-ritornello, e per una canzone rimanere lucida e bella all'interno di tale imprevedibilità è sublime.

11. WEKI MEKI, FREDDO

La regola generale è che se ti dichiari figo, probabilmente non lo sei. Weki Meki, d'altra parte, ricorda un tempo in cui venivano chiamati cool, spiega cosa li rende cool e, sfidando le leggi del coolness, riesce a renderlo, sì, cool. Non solo perché questo è un dance-pop gratificante e grosso, il cui basso profondo ed elastico e i sintetizzatori lo riportano indietro al 2010, quando Far East Movement e Tinie Tempah stavano svenendo come un G6, ma perché Weki Meki, in particolare il rapper Yoojung e il vocalist Doyeon, trasudano un'invidiabile spensieratezza e sicurezza. Come dimostra l'esaltante finale, Cool è più una celebrazione delle giovani donne che infrangono le regole e ignorano la ristrettezza mentale sociale che un viaggio dell'ego di tre minuti e mezzo, ma c'è un bordo spigoloso e beffardo nel ritornello che sembra gratificante intimidatorio.

10. SUPER M, TIGER DENTRO

Sebbene il concetto fantascientifico di Jopping del 2019 sia riapparso nei seguiti di SuperM 100 e One, Tiger Inside elude le astronavi: il suo scopo sembra tratto dalla famigerata mentalità 'ripeti e perfeziona' di SM Entertainment, il suo pedigree seminato nella polarizzazione di EXO Lupo (2013) e NCT Simon dice (2018). Avendo appreso che il pop ispirato alla fauna selvatica beneficia di tocchi leggeri, c'è una gioia nel gancio cantato di La cena è pronta, la cena è pronta sì! , le analogie con i grandi felini e Taeyong che ringhia e urla durante i suoi colpi. Ma Tiger Inside colpisce per il suo spettacolo schietto: divertiti con noi, sembra dire, ma mai a nostre spese. Non che SuperM ti dia la possibilità: la coreografia è impeccabile, il ponte vocale suona vulcanico e il video musicale è vertiginoso e ostentato. Nessuno lo sta attualmente facendo come SuperM. Nessuno potrebbe. E questo è il punto.

9. AMICA, MAGO

Il 2020 dei GFRIEND è stato l'epitome di impegni e impegni, con due EP e un album in studio, Notte di Valpurga , il cui MAGO si unisce ai ranghi di nu-disco insieme ai compagni di etichetta TXT e BTS. Ma mentre artisti come Róisín Murphy e Jessie Ware hanno cercato di riconquistare l'ebbrezza storica della disco, il produttore di MAGO, FRANTS, presta meno attenzione, lavorando in un'intro synth anni '80 insieme alle influenze disco della chitarra funk metallica e ai pianoforti che rafforzano SinB e il ponte emotivo di Eunha . Il precedente singolo di GFRIEND, Apple, era immerso nell'immaginario libresco delle fiabe, ma MAGO le bandisce per abbracciare i poteri magici e femminili della vita reale. C'è una storia d'amore qui, ma è con se stessi - La mia vita ti sta aspettando... lei mi sorride allo specchio – e questo si manifesta come un coro stellato centrale in una sofisticata festa di una canzone pop.

8. ATEEZ, RISPOSTA

Come epilogo di ATEEZ's Tesoro serie, Answer sostiene eloquentemente la narrazione senza rinunciare alla sua presenza individuale come una vittoria sugli ostacoli – fisici ed emotivi – nel percorso del gruppo. Ma anche mentre si rallegra - Tutti, alzate i bicchieri sopra le vostre teste / Più in alto che possono essere visti in qualsiasi parte del mondo – la malinconia filtra attraverso l'EDM pulsante e il finale spettacolare, forse una stanchezza da battaglie combattute. Colora le sue armonie, la voce di Yeosang mentre ricorda gli umili inizi e gli improvvisati improvvisati di Jongho. non abbiamo più paura, dichiarano, ma, presi all'interno di una società distrutta, tutto ciò che possono fare è trattare tutti i giorni come domani è la fine del mondo . Sebbene pubblicato a gennaio, Answer incapsula inaspettatamente l'esaurimento, la determinazione e la speranza del 2020: una partita scoccata per illuminare il proprio percorso che si accende in una fiammata gloriosa e guida.

7. DUE VOLTE, NON RIESCO A FERMARMI

Con il suono di batteria chiuso degli anni '80 e una moltitudine di sintetizzatori, le battute di apertura sono travolgenti e istantaneamente trasportatrici come il tema introduttivo di Cose più strane era. Ma proprio come la ragione principale del successo di quello show non era il suo stile anni '80, lo stesso si può dire per I Can't Stop Me; sotto la tonalità al neon c'è un brano stellare di songwriting, non importa come lo vesti. Il coro è la pièce de résistance melodica – brandendo imitabile oooh hooo s, la sua lingua saldamente nella sua guancia con la linea rap che presto diventerà leggendaria di Chaeyoung, Wiggy rischioso rischioso 위기, questa è un'emergenza . I Can't Stop Me pianta il suo trono nel punto debole tra l'indulgenza della nostalgia e le aspettative del presente, estremamente fiduciosi che canteremo i suoi ganci per gli anni a venire.

6. L'Acchiappasogni, l'urlo

Rimanendo fedeli alle loro armi creative nel corso degli anni, il suono di Dreamcatcher è stato accuratamente affilato e Scream affonda la sua lama in profondità; Per favore, non voglio urlare , i membri implorano durante uno stravagante coro di sintetizzatori orchestrali. Sebbene il gruppo abbia trame fittizie, non è difficile correlare i testi al crudele trattamento online degli idoli da parte degli anti-fan - Anche se mi feriscono... il mio respiro non si ferma , canta Siyeon – ma la rivelazione di tale vulnerabilità arriva con il rifiuto di lasciare che restringa la cornice attraverso la quale li percepiamo. Rimangono in controllo, esercitando il potere attraverso la forza della loro voce e coreografia mentre Scream colpisce il suo outro dove capovolge lo scenario in questo colosso emotivo con la richiesta di Tutti mi guardano e urlano .

5. BAMBINI RAGAZZI, PORTA DIETRO

L'onnipresente durante l'ascesa di Stray Kids è stata un'inclusività (crescere mano nella mano con il loro pubblico, mettendo a nudo le proprie lotte personali) e il pensiero del cielo blu intorno alla loro evoluzione come gruppo autoprodotto. Anche un inno da party chiassoso come Back Door aderisce a questi capisaldi, per certi versi ovvi (aprendo una metaforica porta sul retro per far entrare i fan, al diavolo i guardiani) e altri più sottili, come la coreografia che trova ispirazione in Ganggansullae , tradizionalmente una danza femminile. Mettendo da parte la loro propensione a mettere tutte le carte in tavola contemporaneamente, gli Stray Kids impilano con cura il caratteristico gancio di elettronica aliena e una linea di basso funk lucida prima di far cadere i Back Door in un finale di mosh pit EDM, che suscita un desiderio bramoso per il live concerti anche se stai facendo furiosamente da solo.

4. EVERGLOW, LA DI DA

I sintetizzatori degli anni '80 hanno lasciato un segno indelebile quest'anno, e sebbene ci siano pochi dubbi sull'impatto complessivo di Blinding Lights di The Weeknd (fatto divertente: Tesfaye fa riferimento a Las Vegas come Sin City, parte del concetto visivo di Everglow è, forse per coincidenza, il film del 2005 , Città del peccato ), La Di Da si estende al di là di come appare questa tendenza nel mainstream globale. Scava intorno a gruppi synthwave hardcore come Power Glove e Dance of the Dead per trovare ispirazione, trasponendo lunghi tagli ghiacciati di synth sui versi e integrando esplosioni dell'eco lusinghiero della chitarra usata gratuitamente dai rocker degli anni '80 e dalle pop star allo stesso modo. La versione di Everglow del genere trionfa grazie a una linea superiore magistrale su cui la loro voce colpisce e si intreccia con un ritmo impeccabile, e un mostro inarrestabile di ritornello e bridge che rende La Di Da tanto giocosa quanto potente.

3. TAEMIN, CRIMINALE

Il lavoro solista di Taemin crea spesso un senso di alter ego, ed è questo altro sé che si sente completamente presente in Criminal. Intrappolato in una relazione sensuale e tossica, si aggira nei suoi paesaggi infernali – nel video musicale, un minuto sterile, l'altro barocco – con una fredda nonchalance perché sapeva che era destinato a finire qui. Spiegando la canzone con una grazia ariosa ma sinuosa, Taemin trasforma i testi toccati dal tormento in qualcosa di scintillante, pericoloso e avvincente. Criminal eccelle come una squisita tragedia in cui è birichino e sottomesso ( Ooh, sono al guinzaglio chiamato te ) ma anche complice ( Neanche le mie mani che stringono le tue che mi hanno pugnalato sono pulite ), eppure non vuole né la tua compassione né essere salvato. Sei sempre e solo un testimone della sua beata agonia, ma è impossibile allontanarsi da questo opulento pezzo di cinema sonoro.

2. SUNMI, PPORAPPIPPAM

Che si tratti di reagire (Gashina, LALALAY) o di andare avanti (Heroine), il lavoro di Sunmi capitalizza sulla sua ironica consapevolezza di sé per scongiurare il mal di cuore. Per sua stessa ammissione, si permette di abbracciare l'amore inebriante per la prima volta nel city-pop di Pporappippam, il suo ritornello scintillante reso visivamente gioioso nel video musicale come sembra. Tuttavia, un dubbio familiare rosicchia la sua euforia: Oh mio caro / Anche se questo scompare e diventa un casino / Una volta che apriamo gli occhi . Questo non è un invito a una festa di pietà; Sunmi vola più in alto quando il suo romanticismo e il suo pessimismo si scontrano per creare un calcio empatico verso la pista da ballo. Ci è permesso essere frustrati dall'effimero delle notti perfette e ubriache d'amore, ma la vita non si ferma in loro assenza e, come Sunmi, dovremmo viverla favolosamente.

1. A.C.E GOBLIN (RAGAZZI PREFERITI)

ACE ha eccelso con l'approccio tumultuoso e rock dell'anno scorso su Under Cover, e Goblin (Favorite Boys), che svolge il doppio compito di inno di auto-hype e di uno strumento di costruzione del mondo ispirato al mito coreano, adotta uno strumento simile per gli stadi chitarre e percussioni a tutto gas per creare ciò per cui il grande K-pop è rinomato: un giro da brivido turbo.

Aggressivamente angosciante nei suoi versi, Goblin non ha una minima somiglianza musicale con i suoni del K-pop degli anni '70 e '80 attualmente avvincenti, ma il modo in cui attira l'attenzione riflette la mentalità più grande, migliore, più audace e sfacciata di quest'ultimo decennio: Non confrontare, qualunque cosa facciano / Lo facciamo meglio , rappa Wow, i suoi vestiti tradizionali coreani addobbati in argento, la faccia adesiva come una e-girl.

Questa è una canzone orgogliosa di infliggere un colpo di frusta con un gancio lirico così soddisfacente che il rapper Byeongkwan può sputarla come una provocazione o un ordine, e farla sembrare ancora una benedizione. Ha una tale sicurezza in se stessi che sembra naturale aumentare il già notevole peso melodico con effetti di casa dei fantasmi per accentuare l''alterità' del concetto di goblin. O per presentare un ritornello muscoloso in tre parti, vistoso con le potenti note di Jun. E poi la ciliegina sulla torta con fuochi d'artificio vocali post-bridge. Le canzoni pop megalitiche sono ad alto rischio e ad alto rendimento, spesso rischiano di crollare sotto le loro ambizioni ma, dall'inizio alla fine, i Goblin si alzano in piedi, sparando un momento abbagliante dopo l'altro, come una pistola da soldi con il grilletto saldamente premuto.

Ascolta queste canzoni come un Playlist di Spotify sotto.