Jakob Dylan recensisce ogni album dei Wallflowers

Jakob Dylan recensisce ogni album dei Wallflowers

Nel momento in cui Jakob Dylan si è presentato al pubblico come cantautore, ha dimostrato di essere un individuo determinato, testardo e, sì, molto coraggioso. Parla di un ambiente di lavoro inospitale. Chi potrebbe mai essere all'altezza degli inevitabili paragoni con tu-sai-chi?

In realtà, il 51enne Dylan si è più che distinto nel corso di quasi 30 anni di carriera. E se devi paragonarlo a suo padre, considera che la canzone caratteristica di Jakob con la sua band di lunga data The Wallflowers - l'immortale standard alt-rock One Headlight del 1996 - è stata trasmessa in streaming più volte di quasi tutte le tracce di Bob tranne Like A Rolling Stone e Bussare alla porta del paradiso. Finché ci sono arene sportive e stazioni di servizio che riproducono successi rock durevoli, l'eredità di Jakob Dylan è sicura.



Ma è anche più di una meraviglia da un colpo solo. Il catalogo dei Wallflowers è ricco di album proto-americani incredibilmente divertenti che funzionano come una storia oscura del rock delle major negli ultimi tre decenni. Dylan era una star di MTV quando il canale trasmetteva ancora canzoni come One Headlight e 6th Avenue Heartache, ha resistito al punto più basso della pirateria dell'industria discografica negli anni alterni con produttori come Brendan O'Brien e Rick Rubin, e ha continuato come un anziano statista che ha spalla a spalla con quasi tutte le icone rock ancora in piedi.

La gente non sempre sa cosa fare con me, ha detto Dylan quando l'ho raggiunto il mese scorso. Sono consapevole di essere un'anomalia. Perché non c'è nessuno come me che lavora... per molte ragioni diverse.

In vista dell'uscita di Ferite d'uscita, il primo album dei Wallflowers in nove anni in uscita il 9 luglio, Dylan ha discusso candidamente degli alti e bassi della carriera della band dai primi anni '90 ad oggi.

canzoni che sfidano i ruoli di genere

I fiori di campo (1992)

Penso che l'abbiamo fatto in sole due settimane e non ci sono state molte sovraincisioni. Non era necessariamente una scelta, per quanto pensavamo che fosse così che le band lo facessero. A quel tempo, era così che tutti facevano dischi. Col senno di poi, è sicuramente un ottimo modo per fare il tuo primo disco.

Quando fai il tuo primo disco, non porti solo le tue canzoni. Non sei mai stato veramente in studio prima e non hai mai lavorato con un vero produttore prima. Quindi, stai davvero destreggiando e imparando molto, tutto in una volta. Non ti sei mai rivolto a un microfono prima d'ora, non hai mai dovuto comporre davvero il suono di un amplificatore. Ci sono molte cose che non hai ancora fatto, quindi le farai tutte insieme sul pavimento insieme in un breve lasso di tempo.

Ci sono molti punti difficili su di esso e ci sono molti meandri. C'è una canzone di 9 minuti e una di 11 minuti, credo. Eravamo completamente eccessivamente ambiziosi e probabilmente pieni di noi stessi, ed è così che dovresti fare il tuo primo disco. Vuoi credere di essere i Rolling Stones. Voglio dire, non lo sei. Ma potresti anche credere di esserlo perché è quello che dovrebbero fare le rock band.

Penso che abbiamo venduto 40.000 dischi del nostro debutto. Sono sicuro che da allora ha venduto di più, ma non pensavo affatto che fosse un fallimento. Non avevo un barometro di quale sarebbe stato un numero di successo. 40.000 persone sono molte se me lo chiedi. Ero davvero entusiasta di fare un disco e andare in tour e suonare per le persone.

L'unica delusione di quel disco era che le persone che mi piacevano davvero, che ci hanno portato lì, sono state rimosse o licenziate o se ne sono andate, non ricordo. Questa è una brutta situazione per qualsiasi gruppo, quando torni da un tour e ci sono persone diverse negli uffici. Perché, in genere, le nuove persone non vogliono ereditare altri progetti, soprattutto se non hanno fatto bene. Quindi, eravamo in una sorta di sottaceto: avevamo un contratto discografico, ma avevamo nuove persone che sembravano non sapere davvero cosa fare con noi. Quindi, abbiamo chiesto di essere rilasciati.

Non li biasimo, lo capisco ora, ma penso che l'etichetta – invece di dire che ci hanno lasciato andare – probabilmente abbia intelligentemente detto che ci hanno lasciato. Non lo sapevamo, è semplicemente tornato da noi dopo aver fatto club per molto tempo, alla ricerca di un altro contratto discografico. Devi mettere tutto questo in prospettiva: i contratti discografici erano davvero molto più importanti allora di quanto lo siano ora. Ci sono molte più opportunità ora. E c'erano anche allora, senza major. Ma era il percorso più tipico che volevi prendere.

Abbattere il cavallo (millenovecentonovantasei)

Non sono mai stato così devoto alla radio o al clima per sapere cosa stavano facendo gli altri. Ma non pensavo che quello che stavamo facendo fosse per niente fuori moda. Ho pensato che fosse tornato alle radici del rock 'n' roll. E questo è sempre stato presente nella musica. Non è mai stato davvero di moda o fuori moda. È un setup da rock band: due chitarre, basso, batteria e tastiere.

Ci è voluto un po' per capire che avevamo una reputazione, che ero davvero difficile. Voglio dire, forse lo sono. Non penso che sia inappropriato per i ragazzi delle rock band essere difficili. Voglio dire, cosa significa? Significa solo che non faccio quello che chiedi? Che non voglio fare un'intervista per Copia cartacea o Us Weekly ? Questo mi rende difficile? Per alcune persone, immagino di sì. Volevo solo essere nella band, andare in tour e suonare. E ho capito rapidamente, entrandoci dentro, che c'erano cose che mi stavano arrivando che erano solo guidate dalle celebrità, e non avevo alcun interesse a farne parte.

Non mi confonde il motivo per cui il secondo disco ha fatto quello che ha fatto. Ci sono molte ragioni per questo. Era una società giovane, Interscope, che era davvero dietro di noi. E T Bone Burnett ci ha aiutato a realizzare quel disco. Sapevo che stavamo usando strumenti classici e che con dobro e mandolini e organi e pianoforti B3, puoi suonare come se stessi facendo un disco di ritorno al passato, cosa di cui ero davvero preoccupato. Non volevo farlo. Ho pensato che dovessimo portare quel suono nel futuro e renderlo moderno. Come aveva detto all'epoca T Bone Burnett, era un... iper disco folk, e questo è un po' come suona.

trova ragazze nude che conosci

Avevo scritto 6th Avenue Heartache per quel primo disco e non siamo riusciti a ottenere una registrazione che avesse un senso o suonasse bene. Non credo che fossimo abbastanza bravi da giocare al potenziale della canzone. E non mi fa sentire bene, essere in una band, sapendo che la mia fine è che sto scrivendo le canzoni e sento che non possiamo suonare molto bene la canzone. Quando siamo arrivati ​​a Abbattere il cavallo , il gruppo era per lo più caduto a pezzi, motivo per cui ci sono molti musicisti diversi in quel disco.

il modo migliore per aggiungere circonferenza

Penso che le band attraversino un arco tipico quando vengono notate per una certa canzone e la folla diventa più numerosa e iniziano a sentirsi come se le persone venissero ad ascoltare solo una canzone. Hanno una relazione mista con quella canzone, e certamente l'ho fatto per un po' con One Headlight. Ma col tempo, ti rendi conto di quanto sia unico, certamente oggi, che ogni rock band abbia una canzone che tutti conoscono. Non so se sta succedendo più. Voglio dire, per quanto grandi siano oggi le rock band e quante persone attraggono ai festival, non so se il pubblico in generale conosce il loro materiale. Quei giorni potrebbero essere andati e venuti, quindi ho molta gratitudine.

Violazione (2000)

È stato un disco difficile da fare. Non ho sentito alcuna pressione per seguire il primo. Ma il disco successivo al disco che le persone ascoltano, ora sai che le persone ascolteranno queste canzoni. Prima pensavi che nessuno li avrebbe mai sentiti. Quindi, li stai scrivendo per te stesso e per la tua band e forse per il piccolo pubblico a cui stai suonando. Ma una volta che hai qualcosa come Abbattere il cavallo , sai qualunque cosa farai dopo, sarà ascoltata. Non posso dirti esattamente come cambia il modo in cui scrivi e come ti comporti quando fai un disco, ma sapevo che la gente avrebbe ascoltato queste canzoni, in un modo o nell'altro.

Mi sentivo come se fossi un cantautore migliore a quel punto. Voglio dire, parli solo di 20 canzoni dopo una carriera. Non stai parlando di molti, molti dischi dopo, dove è difficile capire di cosa scrivere. È solo il mio terzo disco. Quindi, a quel punto, pensavo di avere una presa migliore sulla scrittura delle canzoni. Avevo passato molto tempo a stare lontano da tutto ciò che poteva essere percepito come personale o che aveva a che fare con la divulgazione del mio background, e non c'era motivo di sentirmi ancora così. Sentivo che quello era un fardello ingiusto che mi stavo dando.

Non posso dirti che l'ho capito subito e all'improvviso ho cambiato la mia scrittura, ma ero consapevole che per essere connesso a un artista che ti piace, devi sentire qualcosa da loro che è singolare e personale. Ora, quando dico personale, non intendo esporre le loro sessioni di terapia personale. Ma devi sentire quelle persone che stai ascoltando, e io non lo stavo davvero facendo. In realtà stavo passando molto tempo a negare di essere una persona reale con un background, e questo mi avrebbe portato così lontano. Di Violazione , sapevo che ci sarebbe stato un controllo su alcune delle canzoni e ho deciso che non me ne sarei interessato.

Con Hand Me Down, sono sicuro che a volte ti sei sentito come abbandonato. Questo è un pensiero universale, credo. Continuo a non credere che ci fosse qualcosa di singolare per me in quella canzone. È facile tracciare la connessione con me e pensare che mi sto rivolgendo Quello , e forse lo sono. Ma chi non si è sentito così? Chi non si è sentito come se non fosse stato notato? Chi non si è sentito come un piano di riserva? Chi non si è sentito come un piano B?

I giorni della lettera rossa (2002)

Il chitarrista originale con cui ho fondato il gruppo, Tobi Miller, aveva intrapreso la strada dell'essere un produttore discografico davvero forte. Quindi, l'abbiamo portato a produrre. E penso che parte di questo sia stato per me chiudere il cerchio. Immagino di essermi sentito un po' in colpa per non essere riuscito a ritagliarmi un posto migliore per lui nella band. Certamente non era nella lista dei grandi produttori di nessuno all'epoca, ma a me non importava. Pensavo solo di essere molto legato a lui e sostanzialmente abbiamo fondato il gruppo insieme molti anni prima.

Quel disco è difficile per me da ascoltare. Non credo che suoni bene come gli altri dischi. C'è una lucentezza in quel disco che mi confonde. Era al culmine della nostra non comprensione dello studio. La roba elettronica? Cerchi di fare spazio ad altre persone per inserire le loro idee, e all'epoca mi sentivo d'accordo, ma non credo che regga. Mi piacciono un po' le canzoni su di esso e suono ancora alcune di quelle canzoni. Ma come record, sento che potremmo aver deviato un po' fuori strada.

Ribelle, tesoro (2004)

Siamo andati ad Atlanta per un mese per fare quel disco con Brendan O'Brien. Penso che sia un bene per le band uscire dalla città. E Atlanta è un bel posto per registrare. E conoscevo il lavoro di Brendan. Mi piacciono molto le cose di Brendan.

Ma ricordo che, dal punto di vista sonoro, suona molto simile a quei dischi di Bruce Springsteen che Brendan stava facendo all'epoca. Ad essere onesti, ci sono stati momenti in cui stavo cantando e pensavo, toglimi la voce, e questo suona come The E Street Band. E non è solo la strumentazione. Sei in studio, metti quella batteria e quel B3 e li tieni tutti nello stesso posto. Non li muovi ogni volta che una nuova band arriva in studio. C'è un punto debole per una batteria, c'è un punto debole per un B3. Quindi, abbiamo lasciato quella roba dov'era prima, che penso fosse la sessione di E Street. Quindi, non solo avevamo la stessa strumentazione, penso che la nostra attrezzatura fosse nello stesso punto. E c'è sicuramente una connessione che potresti tracciare tra la mia scrittura e la scrittura di Bruce. Quindi, questo non mi sorprende. Ma è stata una bella esperienza. Mi piace un po' quel disco.

quando è nato il figlio del destino?

Brendan è fantastico. Brendan venne in tour con noi quell'estate. Ha suonato la chitarra per quell'estate. Quindi, è prima di tutto un musicista. Ci sono molti diversi tipi di produttori e non ho intenzione di dirti qual è il migliore. Posso solo dirti a quali rispondo meglio e a quali non rispondo. Non rispondo alle persone vibe. Non rispondo a persone che sono solo fan della musica che pensano di avere gusti migliori di tutti, che possono guidarti perché hanno grandi orecchie. Preferisco essere in uno studio con qualcuno che sa un po' di songwriting, che sa suonare gli strumenti e che forse può lavorare con la scheda di controllo.

Felice di tutto (2012)

Non importa chi c'è nella tua band, è uno sforzo complicato. Quando sono andato a fare quei due dischi da solista, volevo solo essere lasciato solo, davvero. E non pensavo che le canzoni che stavo scrivendo, appena arrivate, si applicassero a una grande batteria e a chitarre elettriche. A volte, faccio un disco dei Wallflowers e a volte è il disco solista, tra virgolette. So che è confuso, ma sono sempre confuso comunque. Allora, qual è la differenza?

Quando siamo tornati insieme, penso che tutti quelli con tutto quel tempo libero non vedessero l'ora di fare un altro disco. Ma è stato un disco controverso da fare, ad essere onesti. Quando ho registrato i dischi da solista, nessuna di queste cose è stata davvero discussa e la band si è presa una pausa. Non ci siamo mai lasciati, abbiamo semplicemente smesso di lavorare. Ma penso che quando siamo tornati insieme, c'erano problemi e risentimenti che non avevamo davvero risolto.

Non ho mai voluto scrivere tutte le canzoni di tutti i dischi. Se qualcun altro voleva scrivere, lo accoglievo volentieri. Ma non immaginavo che le persone avrebbero sperimentato la scrittura per la prima volta sul pavimento con me, ed è quello che sembrava accadere. E ho lasciato che accadesse, ma è per questo che quel disco è molto sconnesso. Ci sono alcune canzoni che mi sembrano molto forti. Onestamente, quelle sono le canzoni che ho portato da solo, che erano finite, completate a casa.

Non credo che il cuore di Rami Jaffe fosse davvero dentro, essendo in quel disco. Penso che avesse già un piede fuori. Aveva passato un po' di tempo a giocare con la cosa di Dave Grohl, e chi poteva discuterne? Penso che lo interessasse di più. In poche parole, non credo che la band si stesse riunendo così bene quando siamo tornati insieme. Quindi, puoi sentirlo nel disco.

Ferite d'uscita (2021)

Non ho bisogno di qualcuno che faccia il mio disco. Non sono una pop star. Ho idee su quello che sto facendo e avevo bisogno di qualcuno che mi aiutasse ad arrivarci, ho bisogno di un altro paio di orecchie. E mi sono fidato di Butch Walker e ho pensato che capisse quello che faccio nella mia musica. Non stiamo facendo solo un disco rock dipinto per numero. Sono il punto, sono il fulcro, sono ciò che sta nel mezzo. Altrimenti, la nostra strumentazione non è così unica per quello che faccio veramente. Ciò che potrebbe renderlo unico per te sono le canzoni e il cantante. Quindi, penso che Butch l'abbia capito, lo sapeva abbastanza presto e ha creato lo spazio per farmi venire in primo piano.

Scrivere canzoni è divorante. Ti rimane questa canzone in testa e per le prossime 48 ore, tutto ciò che puoi fare è pensare a quel testo che non ti funziona. E non sei così divertente essere in giro. Se le persone ti parlano, non stai ascoltando nulla. Ci vai a dormire e ti perseguita e ti infastidisce.

Non voglio essere sempre in quel posto. Quando è il momento di scrivere un disco e mettere insieme le mie cose, tendo a lavorare molto bene quando vedo cosa stiamo facendo e qual è il mio lavoro. Dici che faremo un disco in quattro mesi? Bene, è fantastico. È un sacco di tempo. So cosa farò.

Queste canzoni sono state scritte prima del Covid, ma avevamo ancora il fuoco del cassonetto di tutto il resto che stava accadendo prima. Anche se non ho scritto specificamente di quei quattro anni di... non voglio nemmeno dirlo. Sono così felice di non sentire il nome della persona ultimamente, non voglio dirlo ad alta voce. Informa il tuo lavoro perché informa ciò che ordini su un menu, informa quale stazione radio ascolti, il tuo umore. Era come una coperta su tutti. Quindi sì, è in tutte queste canzoni, senza dubbio. Ma onestamente credi nella perseveranza. Non voglio cantare canzoni che non hanno una via di fuga e sperare in esse. Cerco di metterlo nella maggior parte delle mie canzoni, e sinceramente mi sento sempre così.

Il mio obiettivo è scrivere canzoni che vorrei cantare per il resto della mia carriera, e non voglio cantare nulla su quella merda. Non voglio pensarci, non voglio parlarne più del dovuto, e non volevo guardarlo più. Dovremmo tutti cercare di andare avanti. C'è molto lavoro da fare, non c'è dubbio, ma sapevo che il tempo passa molto velocemente e non sarebbe durato per sempre.

cantanti r&b underground

Ferite d'uscita è in uscita il 9 luglio tramite New West. Prendilo qui .