Sam Rockwell sull'interpretazione di strambi violenti e il suo amico Philip Seymour Hoffman

Sam Rockwell sull'interpretazione di strambi violenti e il suo amico Philip Seymour Hoffman

Da quando ha debuttato al cinema nel 1989 Clownhouse , Sam Rockwell ha costruito un impressionante corpus di opere sullo schermo e in teatro. Un ladro di scene in ruoli secondari e un protagonista avvincente in film tra cui Luna , Soffocare e Confessioni di una mente pericolosa , Rockwell, nato in California, ha entusiasmato critica e pubblico, ma è stato trascurato dall'Academy.

Il ronzio intorno alla sua complessa interpretazione di un poliziotto violento, nell'atteso shoo-in degli Oscar dello scrittore e regista Martin McDonagh, Tre cartelloni pubblicitari fuori Ebbing, Missouri , suggerisce che questo potrebbe essere in procinto di cambiare. Nei panni di Jason Dixon, Rockwell interpreta un razzista che si ritrova contro una madre vendicativa pronta a fare quasi tutto mentre sfoga la sua furia contro una forza di polizia che incolpa di non essere riuscita a trovare l'assassino di sua figlia. Man mano che la posta in gioco aumenta, Dixon si evolve plausibilmente da delinquente a eroe in divenire, grazie all'abile scrittura di McDonagh e alla recitazione intelligente e compassionevole di Rockwell.

Se Rockwell vincerà l'Oscar come miglior attore non protagonista, sarà ben meritato. Tuttavia, non è quasi mai diventato un attore. Figlio di genitori divorziati, viveva con suo padre, Pete, a San Francisco, e trascorreva le estati con sua madre, Penny Hess, a New York. È apparso spesso sul palco con Hess, ma quando ha abbandonato la scuola di arti dello spettacolo, sembrava che un futuro nella recitazione non fosse per lui. Per fortuna questo è cambiato quando Rockwell si è trasferito in una scuola adatta a qualcuno che, con le sue stesse parole, voleva solo sballarsi, flirtare con le ragazze, andare alle feste. Invece di andare alla deriva, però, ha riscoperto il suo amore per l'esibizione.

Abbiamo incontrato Sam Rockwell al Festival del Cinema di Venezia, dove l'amabile star ha discusso di interpretare razzisti, violenza, della sua imminente apparizione cinematografica come George W. Bush e di cosa ha reso il suo defunto amico Phillip Seymour Hoffman il più grande attore della sua generazione.

La sceneggiatura di Three Billboards di Martin McDonagh è impeccabile. Deve essere emozionante ottenere qualcosa del genere.

Sam Rockwell : È come un regalo di Natale. Sei tipo, wow! Ne sei sbalordito.

Il tuo personaggio da poliziotto, Jason Dixon, inizia come un cretino violento e razzista, ma cresce di statura. Ti è piaciuto?

canzoni di janet e michael jackson

Sam Rockwell : Mi è piaciuto il personaggio. Penso che inizialmente sia un po' un idiota, e poi subisce una trasformazione. C'è un po' di redenzione.

Si parla molto in America della brutalità della polizia e del razzismo. Questo personaggio attinge proprio a questo, vero?

Sam Rockwell : Giusto. In realtà ho giocato con molti razzisti di recente ed è un mondo interessante. Non è da dove vengo io, quindi è interessante esaminarlo. Sono andato nel Missouri meridionale e ho incontrato alcuni adorabili agenti di polizia. Ho incontrato anche vittime di ustioni. È stato interessante.

Hai incontrato qualche poliziotto che non ritenevi così adorabile e in realtà razzista?

Sam Rockwell : Non ho incontrato nessun poliziotto razzista, ma ho visto molta assertività da parte loro. Ho fatto un giro un paio di notti ed è stato interessante. Ma penso che la parte razzista stia ovviamente succedendo in America ed è molto spaventoso. È un buon momento per parlare di questo. Ho appena fatto un altro film ( Il migliore dei nemici) dove interpreto un leader del Ku Klux Klan (Clairborne Paul Ellis), è una storia vera, che è diventata amica di un attivista per i diritti civili - Taraji Henson interpreta l'attivista per i diritti civili (Ann Atwater) - e ora con quello che è appena successo a Charlottesville, è molto tempestivo.

Dixon vive con la madre razzista e il film tocca l'idea di come le madri influenzino il tipo di uomini che diventano i loro figli. Come sono i rapporti degli uomini con le loro madri negli Stati Uniti?

al più presto ferg tracklist del nuovo album

Sam Rockwell : Negli Stati Uniti? È facile separarsi, non essere co-dipendenti? Bene, penso che la cosa edipica sia interessante ed è in tutto il mondo. In America abbiamo i figli di mamma, ma penso che ogni maschio attraversi un complesso edipico ad un certo punto della tua vita. Speriamo che si fermi. È sempre divertente recitare in un dramma o in una commedia perché è essenzialmente Amleto. È shakespeariano.

Sam Rockwell inStordito, 1998

Dopo che i tuoi genitori hanno divorziato, sei stato cresciuto principalmente da tuo padre, vero?

Sam Rockwell : Si, è esatto. La mia educazione è stata più simile a un'educazione della classe operaia Kramer contro Kramer. Avevamo meno soldi di Dustin Hoffman.

Riesci a capire che Dixon ha perso suo padre, e come sarebbe?

Sam Rockwell: Sicuro. Non ho avuto mia madre all'inizio perché lei era a New York e io ero con mio padre. La vedrei in estate. Ma, sai, tutti noi possiamo sperimentare tutte queste cose - perdita e rabbia, rabbia - e tutti sul pianeta sono capaci di essere un codardo o un eroe. Dipende solo se hai una buona giornata o no. Se hai una buona giornata puoi essere eroico; e tutti potremmo uccidere qualcuno. Siamo tutti capaci di queste cose. Quindi il lavoro di un attore è trovare dentro di sé quello che è vicino al personaggio.

Avevi una forte immaginazione da bambino e sei stato attratto dalla recitazione presto?

Sam Rockwell : Da bambino sono cresciuto facendo credere. Ho visto film, ho recitato con mia madre e cose del genere, abbiamo fatto spettacoli, ma non l'ho preso sul serio fino a quando non sono diventato molto più grande. Quando ho studiato recitazione a vent'anni, è stato allora che ho iniziato a prenderla sul serio, ed è stato divertente avere un nuovo rispetto per essa.

Non ero molto bravo a scuola, quindi avrei potuto facilmente pompare benzina o fare un lavoro di merda. Non ho alcuna abilità. Ho lavorato molto al ristorante, ho occupato i tavoli e ho fatto il barista -Sam Rockwell

timberlake piangimi un fiume

I tuoi genitori non ti hanno poi mandato in una scuola in stile Outward Bound?

Sam Rockwell : Giusto! Pionieri urbani! Non ero molto bravo a scuola, quindi avrei potuto facilmente pompare benzina o fare un lavoro di merda. Non ho alcuna abilità. Ho lavorato molto al ristorante, ho occupato i tavoli e ho fatto il barista. Ho fatto un sacco di cose del genere all'inizio.

Quando hai iniziato a pensare che potevi guadagnarti da vivere come attore?

Sam Rockwell : Quando avevo 30 anni. Ho iniziato quando avevo 18 anni, quindi sono 12 anni. Ma non ho comprato un appartamento fino a quando non avevo, credo, vicino ai 40 anni. Quindi ci è voluto un po' di tempo. Conosci Sanford Meisner? È un insegnante di recitazione, è morto, ma ho studiato la tecnica Meisner, e si dice che abbia detto che ci vogliono 20 anni per diventare un attore. Penso che sia vero. Sono passati più di 20 anni, quindi forse sono un attore ora. Ma c'è sempre un apprendimento che accade in ogni lavoro.

Interpreterai George Bush nel film biografico su Dick Cheney di Adam McKay, sedile posteriore . Sembra quasi esserci nostalgia per lui ora negli Stati Uniti. È così che ti sembra?

Sam Rockwell : Sì, penso di sì. Lo interpreto intorno ai 53 anni, forse un po' più grande, fino all'11 settembre. Mi piacerebbe incontrarlo. L'ho guardato molto, i dibattiti e tutto il resto, con Kerry e Gore, ed è molto simpatico.

denti limati dopo l'apparecchio

Farai il momento in cui gli viene detto dell'aereo che colpisce le Torri Gemelle mentre legge The Pet Goat ai bambini e sembra congelarsi?

Sam Rockwell : Non è nel film, ma provo per lui in quel momento. Cosa fai? Non so se è uno shock o se sta elaborando ciò che deve fare. Lo giudico meno severamente ora di sicuro. Forse a causa di Trump.

Frances McDormand ti ha spaventato? Tre cartelloni pubblicitari ?

Sam Rockwell : Ho paura ogni giorno di tutti. No, è adorabile. È un laser con la sua recitazione, è molto formidabile per come la definirei io, ma è anche carina e adorabile. Ecco perché è un'attrice così brava.

C'è una scena incredibilmente violenta in cui butti un personaggio da una finestra. Com'è stato fare?

Trump è un bambino grande

Sam Rockwell : Non è divertente? Adoro quella scena. Combattere è come ballare nei film e nel teatro. Ho girato molte scene di combattimento negli ultimi due anni. Ho fatto un film, signor Giusto , e ho appena recitato in uno spettacolo di Sam Shepard, Pazzo d'amore , c'erano molte scene di combattimento, ed è una danza. Questo è tutto. Conosci ballerine, ballerini, si infortunano più dei giocatori di football e, se ci pensi, è solo calcio senza botte (pugni due volte il palmo della mano). Amo ballare, quindi amo combattere nei film. In Moon ho combattuto contro me stesso. In realtà ho dovuto prendermi a calci in culo!

Trovi la rabbia necessaria per queste parti di facile accesso? Sembri piuttosto rilassato.

Sam Rockwell : Non è sempre facile. Devo prendere un caffè, ascoltare un po' di musica. A seconda della scena, potresti scherzare con la troupe, quindi alcuni giorni se hai una scena drammatica, devi chiudere. Non puoi parlare con nessuno. Sono stato negli angoli, sono stato nelle stanze prima di una scena con un ombrello e un cestino, battendo il cestino. Ho rotto una sedia e poi sono entrato in scena. La gente pensa che tu sia fottutamente pazzo.

Quanta distanza hai dai tuoi personaggi?

Sam Rockwell : Vado a casa, guardo i Simpson, bevo una birra, mangio dei cereali, qualunque cosa. Non lo porto a casa con me. Tra una ripresa e l'altra, a volte, devi rimanerci dentro, ma può essere estenuante. So che Daniel Day-Lewis lo fa. Forse Christian Bale lo fa, non lo so. Ho lavorato con Gene Hackman, De Niro e Chris Walken e loro non lo fanno. Phil Hoffman, sai, racconta barzellette. Raccontava barzellette. Conoscevo Phil, era un mio amico, e penso che se sei un attore di teatro non devi farlo, perché sai ripetere. Un attore di teatro deve essere in grado di ripetere se stesso per un periodo di prova di otto ore o un periodo di prova di cinque ore, e tornare indietro, fare una pausa caffè e tornare. Quindi penso che gli attori di teatro possano forse dare un ritmo migliore a se stessi, ripetere e andare avanti con più coerenza.

Era un bel ragazzo. Un uomo bello, bellissimo. Mi manca molto. Ma sì, grande fottuto attore, Phil. Nella mia generazione, era il migliore - Sam Rockwell

Ti sei reso conto di quanto fosse turbato (Philip Seymour Hoffman)? La recitazione, poiché implica sensibilità e manipolazione delle emozioni, può esacerbare i problemi che qualcuno potrebbe avere?

Sam Rockwell: Beh, a Phil non piaceva telefonare, sai? E immagino sia per questo che distruggeresti una sedia prima di una scena, perché stai cercando di essere genuino nella scena. Non vuoi fare un momento disonesto in un film o sul palco. Quindi c'è un'espressione, 'telefonare', e Phil si rifiuterebbe di farlo. Ecco perché Phil era un regista straordinario - mi ha diretto in una commedia - e Phil era un attore straordinario: sapeva camminare e parlare. Ha preteso così tanto da se stesso e questo richiede il suo tributo. E aveva un enorme appetito per la vita, sai? Un enorme appetito per la vita. Era un bel ragazzo. Un uomo bello, bellissimo. Mi manca molto. Ma sì, grande fottuto attore, Phil. Nella mia generazione era il migliore.