Rivisitazione delle sfilate di moda più memorabili

Rivisitazione delle sfilate di moda più memorabili

Sembra che nessuno sul pianeta terra abbia perso il burlone di Chanel alla sfilata SS20 della Maison. L'abbiamo visto. L'hai visto. Tua nonna l'ha visto. L'acrobazia di YouTuber Marie S ’Infiltrates contemporaneamente ha acceso le linee temporali e ha trasformato Gigi Hadid in un buttafuori, senza l'auricolare, la lista di controllo e il complesso di superiorità.

La moralità di tutto questo è in discussione, ma buona o cattiva, ci ha fatto parlare e ha fornito un po 'di dramma (come se ne avessimo bisogno in questa stagione). Il burlone ha detto che non era lei primo incidente al cancello della moda ma non era nemmeno il nostro. Ecco un riepilogo di alcune delle sfilate più memorabili della moda.

GISELE VIENE INTERROTTA AL VICTORIA'S SECRET

Ah PETA, pensavamo di trovarti qui. Per impostare la scena: è il 2002, un momento più semplice per il dinosauro ora in difficoltà Victoria's Secret. Di recente era arrivata la notizia dell'affascinante accordo di £ 320.000 per la campagna di Gisele Bundchen e due cappotti di visone nero con l'azienda americana di pellicce Blackglama, quindi i manifestanti della PETA hanno preso d'assalto il palco della sfilata di VS con cartelli che recitavano 'GISELE: FUR SCUM'. Naturalmente, furono letteralmente trascinati fuori dal palco da uno sciame di sicurezza a livello presidenziale (Gigi all'epoca aveva solo sette anni). Anche se apparentemente senza fasi dall'intero fiasco, Bundchen - che ha sfilato la sua famosa passerella apparendo totalmente perplessa - ora cita questo sbarramento del cancello come ciò che l'ha portata a smettere di fare campagne di pellicce.

PETA PROTESTE DIOR

I primi anni 2000 sono stati un periodo impegnativo per PETA. Alla sfilata di prêt-à-porter AW03 Christian Dior, i manifestanti che brandivano i cartelli 'FUR SHAME' sono stati rapidamente portati via dalla passerella - con la modella Nadine Strittmatter che ha persino offerto una mano. Purtroppo, gli sforzi sono sembrati infruttuosi quando il modello successivo si è pavoneggiato per la sua vita dietro in un lilla - hai indovinato - pelliccia. Ma in questi giorni, l'ex direttore creativo di Dior, John Galliano, ha giurato di lasciare la pelliccia a Margiela e si è persino convertito al vegetarianismo, anche se 15 anni dopo.

ATTIVISTI TOPLESS CRASH NINA RICCI

Una protesta in passerella non sulla pelliccia o un misero tentativo di commedia, la sfilata SS14 di Nina Ricci ha visto il controverso gruppo di attiviste femministe ucraine FEMEN invadere la passerella in topless senza segni ma con le parole dipinte sul petto, leggendo 'MODEL DON'T GO BROTHEL' e 'DICTATERROR'. La protesta era apparentemente contro l'eccessiva sessualizzazione della moda, ma solo una nota: forse uno spettacolo di Nina Ricci altamente inoffensivo non è davvero l'obiettivo giusto? Le FEMEN avevano precedentemente protestato in topless contro la registrazione dal vivo di Heidi Klum Next Top Model della Germania anche la finale all'inizio dell'anno.

UNA PASSERELLA LETTERALE A DIOR

Delle sue nove vite, questo gatto stava vivendo la sua migliore vita al salone crocieristico di Dior all'inizio di quest'anno a Marrakesh, in Marocco. Il fuoco e la musica non sono stati un ostacolo per questo felino che si è trovato al centro della scena. La sua iconica avventura l'ha vista camminare accanto alle modelle e in tutte le loro prima di finire in prima fila e pisciare sul vestito di un ospite: nessuno gli ha detto che doveva essere restituito dopo?