Il merchandising Jesus is King di Kanye ha una grande energia WordArt

Principale Moda

Nel caso non l'avessi notato, Kanye West ha trovato Gesù. Quello che era iniziato come suo Servizi domenicali è ora pari a un nuovo album, Gesù è il re . S con un picco in un file intervista a Zayne Lowe la scorsa settimana, West ha detto che il suo lavoro era diffondere il Vangelo. Una proposta nobile suppongo, ma nel mondo di Yeezus, il cristianesimo ha un prezzo.





Già lanciando merchandising per il suo servizio domenicale al Coachella all'inizio di quest'anno, questa collezione segue il suo tanto atteso (e non del tutto ben accolto ) uscita dell'album venerdì scorso. Realizzato in collaborazione con l'agenzia creativa fondata da A $ AP Rocky e A $ AP Mob AWGE , i pezzi incarnano tutti la ritrovata libertà religiosa dell'Occidente. Costano fino a $ 260, gli articoli sono in rilievo con immagini di Cristo, versi biblici e testi di West.

Sebbene ci siano alcuni pezzi più sommessi, come le tute dettagliate con il nome dell'album, altri design sembrano essere leggermente più sperimentali. Sono in offerta: un pull-over con tre diverse immagini di Cristo, tutte incentrate sul nome di West in stile arcobaleno WordArt; una t-shirt con un disegno di Gesù circondato da fulmini, che ricorda un meme di Pepe dei primi anni 2010; un calzino dall'aspetto sporco e un berretto con impresso le parole Servizio domenicale, che sembra più un'uniforme dell'FBI che un oggetto religioso.



barbara ann su dr phil

Sembra che il team creativo fosse in qualche modo sopraffatto da tutte le immagini religiose che hanno incontrato. Un Gesù nero con le mani legate insieme con una corda è raffigurato accanto a una rappresentazione dall'aspetto più occidentale di Cristo che indossa una corona di spine.



I pezzi sono eseguiti con un po 'di ... estro artistico, diciamo. E sebbene l'intenzione dell'Occidente fosse quella di diffondere la parola di Dio, per alcuni sembra avere l'effetto opposto. Questo mi ha reso ancora più ateo, ha scritto un utente di Twitter, con un altro che ha definito la raccolta 'blasfema'.