Cardi B testimonia che gli attacchi di Tasha K l'hanno resa suicida nel loro caso per diffamazione

Cardi B testimonia che gli attacchi di Tasha K l'hanno resa suicida nel loro caso per diffamazione

La causa per diffamazione di Cardi B contro la blogger di YouTube Latasha Kebe, alias Tasha K, è in corso. Durante la sua testimonianza, il rapper ha rivelato l'entità del danno mentale che i commenti di Tasha le hanno inflitto con i suoi post nel 2018 e nel 2019, sostenendo che Cardi aveva contratto malattie sessualmente trasmissibili mentre lavorava come prostituta, secondo TMZ . Cardi ha intentato una causa contro Kebe nel marzo del 2019, spingendo Kebe a rispondere con una sua causa. Tuttavia, un giudice in seguito ha respinto quel caso, lasciando Tasha K sulla difensiva contro la causa iniziale di Cardi.

Oggi, TMZ riferisce che Cardi ha preso posizione in lacrime contro il vlogger, dicendo che a causa delle affermazioni che aveva fatto, Cardi voleva suicidarsi per le cose che aveva detto. Mi sentivo sconfitto e depresso e non volevo dormire con mio marito, ha detto Cardi. Mi sentivo come se solo un demone potesse fare quella merda. Ha anche ammesso di ritenere che non meritassi mio figlio, poiché i commenti sono stati fatti poco dopo la nascita del primo figlio di Cardi e Offset, Kulture.



TMZ afferma che la difesa di Kebe esaminerà Cardi più tardi oggi, quindi ulteriori aggiornamenti potrebbero essere in arrivo a breve.

Di recente Cardi ha avuto un'altra faida con il collega rapper Cuban Doll, che ha affermato che Offset le ha fatto un tentativo su Twitter. Tuttavia, in quel caso, Cardi ha respinto le affermazioni di Cuban e si è sentita in dovere di cancellare le sue stesse risposte, credendo che l'altro rapper la stesse solo usando per attirare l'attenzione.