Le migliori Jordan III di tutti i fottuti tempi

Le migliori Jordan III di tutti i fottuti tempi

Le Jordan III occuperanno per sempre un posto speciale nel cuore di teste giordane . In parte perché il design è ancora al primo posto tra le 35 silhouette che compongono l'intera linea Air Jordan. Ma più significativamente, l'iconica sneaker rappresenta l'inizio del of Tinker Hatfield era del marchio Jordan.

Il nome di Hatfield è grande quasi quanto quello di MJ (ok, non proprio... ma tipo ) nella comunità degli sneakerhead. È il designer dietro molte delle scarpe Nike più amate e la sua impronta digitale è visibile ovunque nel mondo delle sneaker. Senza dubbio, il III è stato il suo coming out party.



La storia di Air Jordan III è affascinante, merita un approfondimento. Per brevità: sono stati accreditati come la scarpa che ha salvato Nike dopo che il design allora non convenzionale di Hatfield ha conquistato Jordan proprio mentre stava contemplando di lasciare l'azienda. Dove era diretto il suo Airness? Via alla collaborazione con Peter Moore, il designer di giordania io e II, che stava lanciando una nuova società di scarpe da ginnastica, Van Grack. Secondo Rivista di filo interdentale , Moore aveva sostanzialmente siglato l'accordo per rubare Jordan, ma la superstar era convinta di dirlo dopo un incontro finale durante il quale è stato rivelato il design di Hatfield per la Jordan III.

La Jordan III di Hatfield ha implementato specifiche di design che Jordan stesso aveva espresso in passato e ha introdotto il logo Jumpman (originariamente disegnato da Moore) sulla linguetta della sneaker. Ciò ha dimostrato a Jordan che il marchio era investito in lui come icona culturale quanto lui, disposto a rendere il suo marchio personale più centrale del loro famoso Swoosh.
Il tutto si è rivelato un colpo da maestro di Hatfield: Moore stava offrendo una quota di partnership di 1/3, Nike lo ha superato semplicemente riposizionando un logo e aggiungendo la trama di cemento consigliata da Jordan.

Nel corso dei decenni, Hatfield è diventato un dio nel mondo del design, ma i suoi inizi sono umili. Si è laureato in architettura all'Università dell'Oregon ed è stato assunto da Nike per aiutare a progettare materiale di marketing. Non è stato fino a quando ha partecipato a un concorso a livello aziendale che Hatfield è stato scoperto per i suoi talenti nella progettazione di scarpe da ginnastica. Un impressionato Moore ha messo al lavoro il parvenu, dove il primissimo design prodotto da Hatfield è diventato la Nike Air Max, che ha tirato fuori la mossa rivoluzionaria di esporre l'unità d'aria della sneaker, ridefinendo per sempre l'aspetto delle scarpe Nike.

La seconda sneaker di Hatfield? Il Giordano III. Sul serio, il tipo è così bravo.

A differenza delle Air Jordan I e II, che erano sneakers alte, le III presentavano un polsino a vita media meno restrittivo su richiesta di Jordan, quindi inaudito per una scarpa da basket e una mossa molto controversa per un atleta si sta staccando da una caviglia rotta . Presentava anche una tomaia in morbida pelle martellata, che ha aiutato Jordan a entrare istantaneamente nelle scarpe, una bolla d'aria esposta e le due caratteristiche più distintive della sneaker: una stampa grigia screpolata intorno alla punta e al tallone (chiamata cemento da Nike) e un linguetta oversize che mostra un'immagine iconica di Jordan che schiaccia, usata senza il permesso diretto di Nike e basata su uno schizzo usa e getta di Moore che ha attirato l'attenzione di Hatfield.

Jordan ha battuto gli IIIs allo Slam Dunk Contest del 1988, dove ha schiacciato dalla linea di tiro libero, consolidando lo status di must di questa silhouette tra gli appassionati di basket. Se quel momento leggendario non fosse bastato a convincere la gente che gli III erano il futuro delle scarpe, la geniale campagna pubblicitaria diretta e interpretata da Spike Lee nel ruolo Lei deve averlo Mars Blackmon lo farebbe.

Oggi, per celebrare quello che molti considerano il GOAT del marchio Jordan, stiamo esaminando i venti migliori modelli nei 33 anni di storia della sneaker, dal suo debutto nel 1988 alle migliori colorazioni del 2021.

Air Jordan III White Cement, 1988

CAPRA

Non possiamo dire con certezza che aspetto avesse il prototipo AJIII originale di Tinker Hatfield, ma immaginiamo che dovesse essere simile al White Cement. Jordan li ha allacciati nel 1987 e sono la colorazione che ha indossato quando ha schiacciato lo Slam Dunk Contest, creando un momento che vive senza affitto nella mente di tutti gli appassionati di basket, per sempre.

Rilasciato al pubblico come una delle colorazioni di debutto, il White Cement è l'icona degli AJIII e scoprirai che la maggior parte delle colorazioni in questo elenco sono solo sottili alterazioni di questo design originale.

Hatfield lo ha davvero battuto fuori dal parco con questo primo.

Air Jordan III Black Cement, 1988

Nike

Indossato da Jordan nel 1988 all'NBA All-Star Game, il Black Cement è ancora la silhouette più alla moda dell'AJIII, ottenendo i prezzi più alti sul mercato degli accessori e superando diverse classifiche Jordan III che fluttuano sulle bacheche degli sneakerhead. È identico al White Cement, solo che presenta un rivestimento in pelle nera con accenti grigi invece di una tomaia bianca pulita, che si adatta perfettamente ai pannelli di cemento screpolato.

Anche gli occhielli rossi dell'università e il logo Jumpman risaltano in modo radicalmente diverso rispetto al rosso su bianco. Potremmo discutere nei commenti tutto il giorno su quale sia la versione più iconica, ma non lo faremo.

Air Jordan III Rosso fuoco, 1988

Club di volo

Durante i playoff NBA del 1988, Jordan cambiò i suoi calci White Cement per questa iterazione Fire Red. Mentre il Fire Red sembra essere il meno popolare delle quattro colorazioni originali, ha dato vita a un'iconica colorazione Nike che in futuro troverebbe fama su molte altre silhouette Jordan.

Il Fire Red è elegante, la stampa a pelle di elefante (continuiamo a chiamarla così, che sembra più accurata) è stata oscurata qui, il che consente agli angoli dei pannelli della sneaker di brillare davvero. Nel complesso, la Fire Red rende più facile apprezzare quanto fosse rivoluzionario il design di Hatfield tra tutte le altre sneakers da basket là fuori.

Air Jordan III True Blue, 1988

CAPRA

Le colorazioni Black and White Cement possono essere le più iconiche delle quattro colorazioni originali AJ III, ma la True Blue è la hit del sonno. Con il suo mix di blu universitario e rosso, la stessa tomaia bianca brillante del White Cement e un tocco in più di stampa di elefanti sull'occhiello, il True Blue è ancora una delle migliori colorazioni in cui la silhouette sarebbe mai vestita.

MJ li ha indossati in una partita di esibizione tra l'NBA All-Stars 1988 e il Team USA e li ha indossati di nuovo nel 2001, quando ha giocato per un breve periodo per i Washington Wizards.

Air Jordan III Moka, 2001

Capra

Le Jordan hanno sempre un bell'aspetto nelle colorazioni Mocha e questa versione del 2001 di AJ III non è diversa. La prima colorazione ad allontanarsi dai trucchi OG, la Mocha presenta una doppia tomaia completamente bianca con pannelli con stampa di elefanti nei toni del marrone e una suola abbinata e logo Jumpman.

Non c'è molto da dire qui, questo sembra ancora un must-have vent'anni dopo. Fortunatamente, la colorazione viene aggiornata spesso.

Air Jordan III Gatto Nero, 2007

Club di volo

Dai un'occhiata a quel divario negli anni tra il Mocha e il Black Cat! Le colorazioni di AJ III hanno avuto un po' di tregua nei primi anni '00, ma il '07 avrebbe portato una sorta di rinascita per la silhouette dovuta, in parte, all'uscita del Black Cat. Ispirata al soprannome Black Cat di Jordan, guadagnato per il modo in cui ha attaccato la squadra avversaria e ha dominato il campo, questa colorazione ha dato il via all'ossessione di Nike per la colorazione Triple Black.

come chattare con zo

Un dettaglio difficile da catturare a meno che tu non ne possieda un paio, i lacci delle scarpe con stampa di elefanti del Black Cat, che Nike deve riportare immediatamente.

Air Jordan III Pure Money, 2007

CAPRA

Seguendo il modello del White Cement/Black Cement, il Pure Money è la risposta completamente bianca all'AJ III Black Cat. La Pure Money presenta una tomaia completamente bianca con occhielli grigi e un logo Jumpman platino. Assomigliano molto al paio di scarpe da ginnastica di una persona ricca. Tuttavia, dobbiamo andare con il gatto nero come coppia superiore.

Air Jordan III Flip, 2007

CAPRA

Il Flip mi è sempre sembrato un design influenzato dall'erba. Immagino che i designer Nike se ne stiano seduti e si sballino fino a quando qualcuno sbotta, Ma tipo... e se cambiassimo la tomaia con il parafango con stampa di elefanti e mettessimo la stampa di elefanti come tomaia delle scarpe da ginnastica... E poi è quello che hanno fatto.

È bello vedere la stampa dell'elefante ottenere una tela più grande da respirare, ma non li scambieremmo con una normale colorazione non capovolta, quindi questa è più una curiosità che un elemento essenziale.

Air Jordan III Fai la cosa giusta, 2007

CAPRA

L'AJ III Do The Right Thing avrebbe dovuto essere un AJ IV (è quello che Buggin' Out indossava nel film che condivide il nome di questa sneaker) ma per qualsiasi motivo, è un III. Lo prenderemo. Prende il nome e ispirato dal superbo film di Spike Lee Fare la cosa giusta , il DTRT presenta una colorazione blu e giallo senape con una filettatura verde brillante che prende in prestito la sua colorazione da Fare la cosa giusta locandina del film.

Air Jordan III Cool Grey, 2007

CAPRA

Il Cool Grey sembra un paesaggio urbano, questa colorazione presenta una tomaia completamente grigia con Nike's Sport Red sul logo Jumpman e Orange Peel sugli occhielli che spiccano davvero contro la tomaia più grigia e sobria. Una ristampa di questa colorazione è uscita quest'anno e, come avrai intuito, è andata esaurita all'istante.

Air Jordan III Doernbecher, 2010

CAPRA

Realizzato come parte della partnership Nike con l'ospedale pediatrico OHSU Doernbecher di Portland, il Doernbecher è stato progettato da Cole Johanson, che ha coperto la tomaia con una colorazione rossa varsity con motivo a diamante metallico e ha elencato i due comfort che attribuisce aiutandolo a battere il suo linfoma sul sottopiede della sneaker: spaghetti e cioccolato.

Il drop era così popolare all'epoca, probabilmente perché rappresentava un cambiamento radicale nell'aspetto dell'AJ III, che Nike lo ripubblicò di nuovo tre anni dopo. Il ricavato va a beneficio di OHSU e Doernchecher.

Air Jordan III Oregon Ducks Pit Crew, 2011

CAPRA

Rilasciato in un'iterazione bianca e nera (questo è il bianco, ovviamente) l'AJ III Oregon Ducks Pit Crew è stato realizzato in onore della sezione di tifo studentesco dell'Università dell'Oregon, nota per il suo folle spirito di squadra nelle partite casalinghe. The Pit Crew era il nome dato ai fan che si presentavano regolarmente ai giochi U of O, indipendentemente da dove viaggiasse la squadra. Il design della sneaker presentava stampe anatra al posto del logo Nike.

Air Jordan III Nero Flip, 2011

StockX

Abbiamo considerato solo di includere il Black Flip in questo elenco e di saltare l'OG, perché in ogni modo questo design è semplicemente migliore. Ma mi sembrava anche sbagliato parlare del Black Flip senza menzionare ciò che è successo prima. Il Black Flip è superiore perché la versione completamente nera del motivo a stampa di elefanti è molto più sottile, quindi la sneaker sembra meno un disordine confuso e più una curiosa alterazione su un design classico.

Air Jordan III Leggende dell'estate 2013

CAPRA

Eravamo così vicini a non includere la colorazione tutta rossa di AJ III Legends of Summer. Questo. Chiudere. Ma solo... guardalo? Chiaramente ispirato alle Yeezy Red Octobers, questo design è stato lanciato come parte del merch di Justin Timberlake e dell'omonimo tour mondiale di Jay-Z. Dal primo giorno in cui sono stati presi in giro da JT, i fan di Nike hanno aspettato febbrilmente un'altra goccia.

Cosa stai aspettando Nike? Il decimo anniversario? Bello, si spera, un aggiornamento è a soli due anni da oggi.

Air Jordan III Solefly Lotto, 2014

CAPRA

No, non stai vedendo cose, le Solely Lotto AJ III sembrano molto simili a entrambe le colorazioni Fire Red e White Cement, tranne per una spruzzata di giallo sotto la lingua e un logo fenicottero al posto del Jumpman. Ispirato dall'aspetto dei biglietti della lotteria della Florida, le tonalità utilizzate sono leggermente diverse da quelle degli OG. Abbiamo un mix di bianco, cremisi laser, belladonna e arancione laser, quindi è un po' più vivace del White Cement e del Fire Red, che utilizzano il più lunatico University Red.

Air Jordan III Seoul, 2018

Volo Club

L'AJ III Seoul ricorda il trucco True Blue in molti modi, ma qui il design è molto più pulito, utilizzando una combinazione di una tomaia completamente bianca con colori presi in prestito dalla bandiera sudcoreana sul colletto. Realizzata in collaborazione tra Tinker Hatfield e Dan Sunwoo presso l'Innovation Kitchen di Nike, Seoul è facilmente una delle migliori colorazioni AJ III da lanciare negli ultimi cinque anni.

Altri dettagli includono l'uso del simbolo taeguk della bandiera coreana al posto del logo Jumpman della scarpa sinistra.

Air Jordan III Tinker Oregon Ducks, 2018

Club di volo

Prendendo in prestito i colori dell'alma mater di Tinker Hatfield, le Tinker Oregon Ducks presentano una tomaia in nabuk verde mela con cemento giallo e accenti grigi. In un radicale allontanamento dal design originale, le Tinker Ducks sfoggiano uno Swoosh Nike smussato, che conferisce alla sneaker un aspetto radicalmente diverso.

Air Jordan III Laser Arancione, 2020

Club di volo

Un classico del futuro, l'AJ III Laser Orange è stato rilasciato come esclusiva femminile ed è stato chiaramente realizzato come un gesto per la crescente base di clienti di Nike. Anche se devi chiederti, se Nike avesse offerto tutte quelle classiche colorazioni AJ III nelle taglie da donna per cominciare, forse avrebbero potuto guadagnare molti più soldi, dal momento che gli sneakerhead dai piedi piccoli hanno aumentato le taglie dei bambini per anni prima che Nike si prendesse la briga di prenderne atto.

Il Laser Orange è pulito, se Nike abbandonasse una corsa a grandezza naturale, la gente sicuramente li chiederebbe a gran voce.

Air Jordan III UNC, 2021

CAPRA

È sbagliato dire che una delle prime cinque colorazioni di AJ III mai rilasciata non è stata rilasciata fino al 2021? Perché lo stiamo dicendo. L'UNC merita un posto tra gli OG, questo design è semplicemente troppo pulito. Realizzate in omaggio all'alma mater di Michael Jordan, le UNC presentano accenti University Blue su una tomaia in pelle a doppia trama con un logo Jumpman ricamato e quegli iconici pannelli con stampa di elefanti.

Diavolo, lo dirò, penso che l'UNC sia la MIGLIORE colorazione Jordan III.

Air Jordan III Georgetown, 2021

CAPRA

L'AJ III Georgetown è uscito nel marzo 2021, lo stesso mese di questo articolo! Ciò significa che se l'avessimo scritto prima, qualche altra sneaker avrebbe fatto la lista. È selvaggio. Prendendo in prestito i colori della Georgetown University, la Georgetown o Midnight Navy, come è anche conosciuta, presenta un mix di Midnight navy, cemento grigio e bianco e viene rilasciata per celebrare March Madness.

Il 2021 è stato un grande anno per le Jordan III e sembra che il design sia nel bel mezzo di un altro rinascimento. A cui i fan dello spettacolo dicono: Portalo .