C'è un cadavere su Google Maps

C'è un cadavere su Google Maps

Quattro anni fa, il quattordicenne Kevin Barrera è stato picchiato, ucciso a colpi di arma da fuoco e lasciato morire sui binari della ferrovia a Richmond, in California. Oggi la sua famiglia si trova di fronte a un promemoria quotidiano della sua morte: non devono fare altro che visitare Google Maps, inserire le coordinate corrette e saranno portati a un immagine satellitare della scena del crimine, completa di macchina della polizia, agenti sulla scena e il corpo di Barrera.

Finora Google non ha risposto alle richieste della famiglia di rimuovere le immagini. 'Quando vedo questa immagine, è ancora così che è successo ieri', ha detto il padre di Kevin, Jose Barrera, alla rete di notizie locale KTVU . E questo mi riporta a molti ricordi. ' L'assassino non è mai stato trovato, il che rende la situazione ancora più straziante per la famiglia in lutto.

video di micheal e janet jackson

Dal suo lancio nel 2006, Google Maps è stato salutato come un modo rivoluzionario per navigare nel mondo. Gli esploratori in poltrona possono attraversare le vedute della strada di tutto, dalle Isole Galapagos ai canali labirintici di Venezia dalla comodità di casa. Ma per ogni giocoso sigillo delle Galapagos catturato da Fotocamere di Google , ci sono casi come quelli della famiglia Barrera: occasioni in cui inizi a pensare che, ehi, forse un'impresa globale per mappare tutto ciò che ci circonda è in realtà un'idea terribile e non contribuisce alla somma totale della conoscenza umana.

Più strizzi gli occhi all'immagine satellitare della scena del crimine a Richmond, che è abbastanza chiara per vedere esattamente cosa indossava Barrera quando è morto (camicia bianca, scarpe da ginnastica bianche - l'immagine sopra è stata ritagliata per escludere Barrera) - più inizi a pensare che forse vedere giocose foche delle Galapagos non significa nulla rispetto a un'intrusione ingiustificata in lutti privati.

Una mucca ferita catturata da Googlevista stradaleJon Rafman / 9-eyes.com

Artista Jon Rafman tocca questi temi nel suo 9 occhi progetto. Rafman prende il nome dai nove occhi montati su un'auto di Google Street View, Rafman setaccia Google Maps per qualsiasi immagine che sia strana, inquietante o addirittura inspiegabile: una mucca che trascina le sue gambe rotte su un'autostrada deserta, per esempio, o un uomo legato nel retro di un furgone, sorvegliato da un poliziotto armato.

'[Google Maps] rappresenta un nuovo tipo di sorveglianza molto diverso dalla versione totalitaria descritta in libri come 1984', ha detto Rafman a Dazed. Alcuni dei soggetti nelle sue immagini sembrano entusiasti di essere stati catturati da Google, salutando e sorridendo per la fotocamera. Ci sono persone che si vestono attivamente e si mascherano a vantaggio dell'occhio che tutto vede di Google: nel 2008, un intero gruppo di residenti a Pittsburgh ha organizzato un parata della banda musicale quando si sono resi conto che l'auto di Street View era in città.

tyler, il creatore - noia

Google, da parte sua, non rimuove le immagini da Maps, sebbene nasconda i volti delle persone e, se richiesto, sfocerà i dettagli offensivi come la residenza privata di un utente. Ma Google Earth, che acquista immagini dai satelliti, non ha considerazioni così user-friendly.

Jose Barrera ha detto che intraprenderà un'azione legale contro Google se non rimuove l'immagine offensiva, ma sembra improbabile. L'analista tecnologico Rob Enderle lo è dubbioso Google risponderà alla richiesta della famiglia Barrera. Quando lo rimuovono per una persona per una cosa, come fanno a non farlo per gli altri? disse Enderle. E così hanno trovato più facile dire di no.

Fino ad allora, il corpo di un adolescente è solo un altro degli sfortunati docenti nell'espansione in corso di Google Maps. Sorridi per la fotocamera.

AGGIORNARE: Google ha annunciato che le immagini verranno presto sostituite. 'Google non ha mai accelerato la sostituzione delle immagini satellitari aggiornate dalle nostre mappe prima d'ora, ma date le circostanze abbiamo voluto fare un'eccezione in questo caso', ha affermato Brian McClendon, vice presidente di Google Maps.