Le migliori poesie sull'essere una giovane donna nel mondo di oggi

Principale Arte + Cultura

C'è una certa magia nel leggere una poesia a te stesso - nel dare vita alle parole mentre danzano intorno alla tua testa. Ma c'è qualcosa di intangibilmente più potente, a volte, nell'ascoltare quelle poesie leggere ad alta voce dalle voci di coloro che le hanno create. Soprattutto quando quelle voci sono troppo spesso inascoltate, attenuate o ignorate.





E nessuna voce sperimenta queste ingiustizie così frequentemente come quella di una giovane donna. Per fortuna, artisti come Melissa Lozada-Oliva, Ashlee Haze e Arati Warrier sono - letteralmente - in piedi e chiedono che le loro voci siano ascoltate. E con questo, fanno luce, compassione e intuizione su cosa significa e come ci si sente ad essere una giovane donna oggi.

MELISSA LOZADA-OLIVA - COME TOTALMENTE QUALUNQUE

Nel caso non te ne fossi reso conto, in qualche modo è diventato poco cool sembrare che tu sappia di cosa stai parlando. Inizia così il 51enne Taylor Mali famosa diatriba parlata contro il modo di parlare delle giovani generazioni. Una diatriba che Melissa Lozada-Oliva ha completamente distrutto in tre minuti e tre secondi l'anno scorso. Nel caso non te ne rendessi conto, la sua poesia inizia, rispecchiando la stessa linea di apertura di Mali, e adottando il discorso che ha finto così beffardamente nella sua performance, è diventato in qualche modo necessario che i vecchi bianchi mi dicessero come parlare. La sua poesia incide magnificamente il controllo del linguaggio delle giovani donne in un mondo che dice loro che le loro parole sono meno importanti. Forse parlo sempre per domande, suggerisce, perché sono così abituata a essere tagliata fuori.



ASHLEE HAZE - PER RAGAZZE COLORATE (LA POESIA DI MISSY ELLIOTT)

Così potente che Blood Orange l'ha provato nella traccia di apertura del suo prossimo album, Suono di Freetown , La poesia di Haze spiega - a titolo di aneddoto personale - perché la rappresentanza per le giovani donne nere è così incredibilmente vitale. Ricorda il suo primo incontro che cambia la vita con la cosa più bella che abbia mai sentito in otto anni di vita: la musica di Missy Elliott. È stato a causa di Melissa Elliott, spiega, che ho creduto che una ragazza grassa e nera di Chicago potesse ballare finché non si sentiva carina, poteva essere sexy e cool, poteva essere una donna che gioca a un gioco da uomo e non scusarsi per niente di tutto ciò. .





BLYTHE BAIRD - QUANDO LA RAGAZZA GRASSA DIVENTA MAGRA

C'è una rivoluzione che sta sbocciando attorno al modo in cui la società parla di grassezza. Una rivoluzione che chiede perché preferiremmo concentrare la nostra critica su ciò che dovrebbe o non dovrebbe essere considerato plus size, invece di chiederci perché ci sia così tanta vergogna nell'essere plus size in primo luogo. Nel suo pezzo risoluto, Blythe Baird taglia il cuore della vergogna e dell'insicurezza che le giovani donne sono programmate per abbracciare prima ancora di essere adolescenti. All'età di 16 anni, avevo già sperimentato di essere clinicamente sovrappeso, sottopeso e obeso, dice. Da bambino, grasso era la prima parola che le persone usavano per descrivermi - il che non mi offendeva ... finché non ho scoperto che doveva farlo. Nel superare un disturbo alimentare - uno per il quale, poiché non era magra all'inizio, si è ripetutamente congratulato in modo straziante - ha finalmente smesso di cercare vendetta su questo corpo.

GUERRIERO ARATI - CACCIA ALLE STREGHE

Affrontando la difficoltà che deriva dal negoziare la stranezza attraverso generazioni e confini, la poesia di Warrier approfondisce la sua sessualità attraverso la lente dell'imperialismo britannico, le leggi omofobe in India ribaltate e poi ripristinate e l'ignoranza ostinata della sua famiglia. Sono tornato a casa dei miei genitori, l'intera faccenda è un armadio, sono un maestro dell'illusione, lei si dispera, la sua voce trema ma ribelle. Non posso spiegare a mia madre che la sua omofobia casuale sta squarciando tutti i miei maglioni e tremo sempre.



FREEQUENCY - LA PRINCIPESSA POESIA

Arrivando in poco più di un minuto, la poesia di FreeQuency svela rapidamente e spietatamente i messaggi discutibili ficcati nella gola della ragazza, con un cucchiaio di zucchero, ogni volta che guardano un film Disney. Bella Addormentata , per esempio, avrebbe dovuto farmi credere che dovrei essere eccitato se un uomo si intrufola nella mia stanza per baciarmi mentre sto dormendo - tipo, questo è ciò che dovrei considerare romantico, o consenziente, o materiale per il futuro marito. La bella e la bestia , nel frattempo, parla di una diciassettenne molestata sessualmente fino a quando non viene rapita e Stockholm Syndromed nella bestialità. E non farla nemmeno iniziare con quello stupido tentativo di punizione razziale che hanno chiamato Il La principessa e il ranocchio . Anzi, fallo, e spero che non si fermi mai.